• Google+
  • Commenta
14 marzo 2006

La musica e la scrittura alleggeriscono l’anima

La musica e la scrittura sono da sempre le forme con cui l’uomo esprime e libera il proprio spirito dalle gravose responsabilità, aspettative e inquieLa musica e la scrittura sono da sempre le forme con cui l’uomo esprime e libera il proprio spirito dalle gravose responsabilità, aspettative e inquietudini della vita quotidiana.
La scrittura è spesso usata come mezzo psicoterapeutico per penetrare nella psiche umana.
Kafka diceva che la scrittura è un mezzo per liberarsi dai fantasmi della propria anima.
E, infatti, scrivere un diario, per esempio, aiuta ad alleggerirsi a svuotarsi di ciò che magari non si ha il coraggio di confessare a nessuno se non a se stessi…
Nell’arte in genere poi è racchiusa l’essenza della vita con le sue chiavi interpretative.
Per questo motivo quando si è in difficoltà può capitare di trovare uno spiraglio di luce in un libro, un quadro o una canzone.
Ma la musica può avere una duplice funzione mediante il meccanismo di estraniamento o di identificazione.
Recenti studi dimostrano, infatti, che la musica è spesso adoperata come fuga dalla realtà.
Soprattutto gli adolescenti tendono ad estraniarsi nelle canzoni per sognare, fuggire da una realtà troppo dura da accettare.
Sarebbe questo uno dei motivi del boom del lettore mp3 e dei suoi predecessori.
Spesso accade, invece, che le parole presenti nel testo musicale sfiorino le corde della propria anima liberando ricordi, sensazioni che evocano in noi lacrime, risate, sentimenti difficilmente esprimibili nel complicato mondo della modernità.

Google+
© Riproduzione Riservata