• Google+
  • Commenta
14 marzo 2006

Paesaggi verticali: la fotografia di Vittorio Sella

La GAM di Torino, in occasione delle Olimpiadi della Cultura legate alle XX Olimpiadi invernali, dedica un’importante retrospettiva a Vittorio Sel

La GAM di Torino, in occasione delle Olimpiadi della Cultura legate alle XX Olimpiadi invernali, dedica un’importante retrospettiva a Vittorio Sella, pioniere della fotografia di montagna. La mostra vuole restituire, agli appassionati e non solo, immagini che testimoniano un momento fondamentale della rappresentazione del paesaggio d’alta quota. Figlio di Giuseppe Venanzio Sella, scienziato e pioniere della fotografia italiana (a lui si deve il primo trattato fotografico italiano intitolato “Plico del fotografo”, 1853), Vittorio Sella eredita da lui l’amore per la fotografia e dallo zio Quintino, fondatore del CAI, l’amore per la montagna. Questi due moventi inducono alla produzione di una vastissima opera di documentazione, fatta di migliaia di lastre e stampe originali oggi conservate presso la Fondazione Sella di Biella. Tra il 1879 e il 1909 condusse campagne fotografiche nelle Alpi, nel Caucaso, in Africa, in Alaska e in Asia, alcune al seguito del Duca degli Abruzzi. Le sue fotografie divennero ben presto essenziale punto di riferimento per società geografiche, cartografi, geologi e naturalmente alpinisti. Ancora oggi le sue fotografie sono preziosa fonte di informazione per ricerche storiche e scientifiche. Perizia tecnica, equilibrato senso della prospettiva e delle linee dominanti, costruzione dell’inquadratura per articolati “scenari”, contrasti di chiari e scuri e finissime gradazioni di toni e sfumature, sapiente sintesi estetica, conquistano un altissimo traguardo qualitativo, sempre riconoscibile nelle immagini di Sella. La mostra presenterà circa 100 fotografie, stampe originali di Vittorio Sella in diversi formati e tecniche dal 1879 al 1943, tra cui alcune straordinarie vedute panoramiche composte da serie di immagini affiancate, realizzate dal fotografo biellese nel corso delle sue numerose spedizioni.

Google+
© Riproduzione Riservata