• Google+
  • Commenta
7 marzo 2006

Quando lo Stage vale di più

Un 110 e lode non fa il manager. La laurea serve, sì, ma l’esperienza sul campo alle aziende piace di più. Secondo una ricerca europea, infatti, il 96Un 110 e lode non fa il manager. La laurea serve, sì, ma l’esperienza sul campo alle aziende piace di più. Secondo una ricerca europea, infatti, il 96% dei manager concorda nel ritenere che le aziende dovrebbero dare maggior peso al curriculum professionale piuttosto che al voto di laurea quando selezionano un manager. Con il passare degli anni ed il crescere dell’esperienza, nessuno pensa più al voto riportato dall’aspirante manager; ad uno di 35 anni non lo si chiede nemmeno!
Può sembrare paradossale, ma tra un laureato in ritardo, benché a pieni voti, e uno che ha concluso gli studi con voti scadenti ma in anticipo sui tempi e con due o tre anni di esperienza, un’azienda sceglie il secondo. Le imprese di matrice e stile anglosassone puntano l’attenzione su chi, pur con il suo buon curriculum di studi, ha affiancato ai libri gli stage aziendali.
Tuttavia chi sta faticando sui libri non si illuda di farcela solo con la voglia di lavorare o l’esperienza: senza la laurea si va poco lontano. Lo conferma lo studio presentato lo scorso 22 febbraio a Roma dal Consorzio Universitario ALMALAUREA, che ha coinvolto 74 mila laureati di 36 atenei degli anni 2004/2002/2000 intervistati a uno, tre, cinque anni dal conseguimento del titolo: il diploma di laurea serve, soprattutto nel settore privato, dove ottengono un posto 74 laureati su 100.
Anzi, una qualificazione sola non è sufficiente nella faticosa ricerca di un posto di lavoro: così continuano a studiare anche dopo la laurea e questo frena, nei numeri, il calo dell’occupazione, anche se il precariato è in aumento, specialmente nel settore pubblico, con il rischio che i laureati italiani rimangano su mansioni di basso profilo.
La percentuale di occupati ad un anno dalla laurea si riduce, nell’ultima rilevazione, di 0.5 punti percentuali mentre in corrispondenza aumenta di 0.3 punti percentuali la quota di laureati che si dichiarano in cerca di lavoro, passando dal 25.8 al 26.1%. Il tasso di disoccupazione nell’arco dell’ultimo anno fa registrare una contrazione sia ad un anno sia a tre anni dalla laurea; la spiegazione di questo calo sembra ritrovarsi, almeno in parte, nella quota di laureati che proseguono la propria formazione post-laurea. Ma chi aveva già un’occupazione la conserva: 27 laureati su 100 proseguono il lavoro iniziato prima di divenire dottori. Ecco quindi un dato che dà ragione alle valutazioni espresse dai manager europei; nella ricerca si segnala anche che studiare all’estero o conseguire un master, in particolare di primo livello, non sembrano portare un valore aggiunto ai fini del lavoro; meglio cominciare prima a inserirsi nel mondo lavorativo, se ci si riesce: tirocini e stage sono attività che toccano ancora un contenuto numero (16%) di laureati pre-riforma ma portano un 10% di punti in più di vantaggio per chi fa tali esperienze.
Il dossier di ALMALAUREA sfata infine alcuni luoghi comuni, come quello che vuole le lauree umanistiche “deboli” in vista dell’occupazione: in realtà, a cinque anni dal conseguimento del titolo, 86 laureati su 100, sia del settore umanistico che di quello scientifico, trovano lavoro. Purtroppo è in ripresa la mai dimenticata “spintarella”; nel corso dell’ultimo anno 6 neolaureati su 100 hanno fatto ricorso alla raccomandazione. A parte la ricerca di santi in paradiso, per cercare un impiego il 34% degli intervistati considera necessaria l’iniziativa privata.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy