• Google+
  • Commenta
31 marzo 2006

Sapienza d’estate, arena di nuovi talenti

Il sacro fuoco dell’arte ribolle nelle vostre vene? Shakespeare vi ha riconosciuti suoi degni successori? O siete ancora dei Gassmann in erba? Niente Il sacro fuoco dell’arte ribolle nelle vostre vene? Shakespeare vi ha riconosciuti suoi degni successori? O siete ancora dei Gassmann in erba? Niente paura, se siete studenti della Sapienza avrete modo di farvi valere. In realtà, vi basterà coinvolgere un amico che frequenti l’ateneo. E’ il sunto del progetto Piazza di Roma, in programma tra gli appuntamenti della prossima Estate Romana. Una meravigliosa iniziativa che mette a disposizione di giovani gruppi di artisti le strutture, gli spazi e persino i fondi (sono previsti piccoli rimborsi spese ove necessari) dell’Università a favore della spettacolo. In tutte le sue forme: sono ben accette commedie, tragedie, concerti, cabaret, balletti, musicals ma anche performances individuali come letture di poesie o mimi. Un’apposita commissione valuterà la fattibilità dei progetti. Considerandone non solo la qualità, ma variabili come il palco richiesto per la rappresentazione e gli spazi per i camerini della compagnia. Utile anche un buon curriculum artistico da parte del gruppo proponente. Scadenza per la compilazione del bando: 30 Aprile 2006. “Estate Romana alla Sapienza 2006 – Piazza di Roma” chiede solo un requisito fondamentale: avere nel gruppo almeno un membro afferente alla Sapienza, con un ruolo che può spaziare dallo studente al docente, dal dipendente al dottorando. In bocca al lupo a tutti i talenti in erba del più illustre ateneo romano, con l’augurio però che per il pubblico delle rappresentazioni non ci siano vincoli di appartenenza universitaria.

Google+
© Riproduzione Riservata