• Google+
  • Commenta
7 marzo 2006

Trento: fronteggiare criminalità e terrorismo internazionale

Relatore della conferenza, promossa dal Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale e dal Corso di Laurea in Sociologia, sarà il professor Paolo CeriRelatore della conferenza, promossa dal Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale e dal Corso di Laurea in Sociologia, sarà il professor Paolo Ceri dell’Università di Firenze
Sarà ospite della Facoltà di Sociologia il professor Paolo Ceri, titolare del corso di Sociologia all’Università di Firenze per parlare di lotta alla criminalità, terrorismo internazionale e di quanto essi siano stati oggetto negli ultimi anni di un dibattito acceso tra le forze politiche. Nella conferenza promossa dal Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale, dall’Osservatorio sul Terrorismo e l’Antiterrorismo e dal Corso di Laurea in Sociologia, che si terrà giovedì 9 marzo, alle 10.30, nell’aula Kessler della Facoltà di Sociologia, si parlerà delle linee politiche che possono essere adottate dai governi per fronteggiare criminalità e terrorismo.
A seconda della scelta di una delle quattro politiche della sicurezza – tipiche rispettivamente della destra liberale, destra conservatrice, sinistra liberale e sinistra conservatrice – si differenzia anche l’operato dei governi e, di conseguenza, le reazioni dell’opinione pubblica e le posizioni nel dibattito politico. La vita democratica di un Paese può quindi risultare compromessa, oppure favorita, a seconda dei provvedimenti messi in atto dai governi. In base a questa premessa, le quattro differenti politiche della sorveglianza si distingueranno per il diverso tipo di equilibrio o squilibrio che riusciranno a stabilire tra due principi fondamentali della vita democratica di uno Stato: i diritti civili e la sicurezza.
A conclusione del suo intervento, il professor Ceri si soffermerà su un altro aspetto caratterizzante le società moderne: l’integrazione, un termine che si pone in stretta relazione con i concetti di sicurezza e di libertà. Nelle società multietniche del ventunesimo secolo risulta cruciale per un governo riuscire a diffondere una cultura di accettazione e rispetto dello straniero e di evitare che le politiche antiterrorismo compromettano, sul piano della sicurezza, la convivenza civile e l’integrazione sociale.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy