• Google+
  • Commenta
20 aprile 2006

Ti lascio perché ti amo troppo

“Ti lascio perché ti amo troppo” un film chiacchierato ancor prima dell’uscita nelle sale cinematografiche. La classica storia d’amore ambienta“Ti lascio perché ti amo troppo” un film chiacchierato ancor prima dell’uscita nelle sale cinematografiche. La classica storia d’amore ambientata in uno dei tanti quartieri napoletani. Mariano, trentenne disoccupato, dopo essere stato lasciato da Daniela (Maria Mazza), fidanzata storica, si crede finito. E’ deluso, arrabbiato e invano tenta di riconquistarla ma lei lo ama troppo, per questo, non credendo più di poter andare oltre, decide di lasciarlo. Una sera, davanti al portone di casa, Mariano incontra Ana Paula (Mariana Braga), una turista brasiliana innamorata delle maraviglie partenopee. Le dice di essere proprietario di un bed and breakfast e così la convince ad andare a casa sua. Passa qualche giorno e Mariano è costretto a confessare a se stesso l’amore che prova per la giovane turista. Inizia, così, un periodo felice per i due ragazzi, figure emblematiche ma allo stesso tempo rappresentative di due differenti culture. All’improvviso, ascoltando una trasmissione televisiva, Mariano, ha il sentore che Ana Paula trascorra del tempo con lui solo perché interessata ad ottenere il permesso di soggiorno. Lei sgomenta e dispiaciuta per la conclusione dell’innamorato, decide di far ritorno in Brasile dalla sua famiglia, per altro molto ricca. Mariano, grazie alla simpatia propria dell’uomo napoletano e all’amore che prova per lei, riuscirà ad impedirle di partire. La porterà anche all’altare? Le nozze di sua sorella vanno a monte il giorno del matrimonio e Mariano per non perdere chiesa, pranzo e invitati sopperirà alla mancanza sposando Ana Paula. Il film nel complesso è molto divertente ma palesa carenze di scenografia, costumi e talenti. In altre parole, se non fosse per le belle battute napoletane studiate a tavolino che smuovono la situazione e per il titolo così stravagante forse non otterrebbe lo stesso successo.

Google+
© Riproduzione Riservata