• Google+
  • Commenta
22 maggio 2006

Iraq senza pace

Davvero l’Iraq non trova più pace. Benché nel paese, la guerra, per lo meno quella ufficiale, sia ormai terminata da molto tempo,

Davvero l’Iraq non trova più pace. Benché nel paese, la guerra, per lo meno quella ufficiale, sia ormai terminata da molto tempo, si susseguono, quasi ogni giorno, gli attentati. E aumentano vertiginosamente le vittime: altre nove persone uccise e 28 ferite nella giornata di sabato, a causa di una bomba esplosa nel quartiere sciita di Sadr City, a Bagdad, nei pressi di una stazione di bus. Anche questa volta, come spesso accade, sono stati colpiti i civili: sembra che le vittime fossero tutti lavoratori giornalieri che attendevano una chiamata di lavoro. L’ennesimo atto di violenza, si è verificato proprio nella giornata in cui Nouri Al Maliki, ministro incaricato, avrebbe dovuto presentare il suo governo in Parlamento. Fonti del Dipartimento Usa della Difesa riferiscono che sarà potenziata la presenza militare americana nel paese mediorientale. Il Pentagono, infatti, invierà in Iraq un battaglione della Prima divisione corazzata, attualmente di stanza in Kuwait, al fine di rafforzare la sicurezza in occasione dell’insediamento del nuovo governo iracheno. Speriamo che l’invio di nuove truppe, non rafforzi, invece, in molti iracheni, la volontà di proseguire e aumentare gli attentati.

Google+
© Riproduzione Riservata