• Google+
  • Commenta
29 maggio 2006

Parma: Calcistici tra letteratura e cinema

Mercoledì 31 maggio e giovedì 1 giugno, presso l’Aula Magna del Dipartimento
di Lingue dell’Università di Parma (viale

Mercoledì 31 maggio e giovedì 1 giugno, presso l’Aula Magna del Dipartimento
di Lingue dell’Università di Parma (viale S. Michele, 9), si terrà il
convegno internazionale “Angeli e demoni in scarpe bullonate: i miti
calcistici tra letteratura e cinema (all’ombra dei Mondiali)”.

Il convegno è organizzato dal Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere
dell’Università di Parma, diretto dalla prof.ssa Giovanna Silvani, e
dall’Istituto di Studi Latinoamericani, con il patrocinio dell’Assessorato
alle Attività motorie e sportive del Comune di Parma, del Consolato Generale
del Brasile a Milano e del Centro Universitario Sportivo di Parma.

Scrivere di calcio, descrivere una partita memorabile e sentire ancora le
emozioni viscerali prodotte da una radiocronaca o da un commento
televisivo… sentire il grido del “goool!” salire verso la curva e tornare
in un’eco armoniosa al campo… raccogliere i commenti del pubblico e
amplificarli, evocando le imprese di calciatori che divengono eroi,
personaggi di narrative letterarie o filmiche a metà tra biografia e
finzione… giocare con le parole e le immagini un po’ come un allenatore
dispone sul campo i giocatori che ha a disposizione…

Parlare di tutto questo in un convegno che si svilupperà su due giorni di
studio, durante i quali si succederanno relazioni, dibattiti e proiezioni:
questo l’obiettivo, l’idea di poter parlare di atleti, trasformati in miti
del pallone anche grazie a quanti – scrittori, cineasti o semplici cronisti
– hanno dedicato la propria opera alla celebrazione delle loro gesta;
un’opportunità per omaggiare sia gli oggetti del racconto sia gli stessi
autori.

Si è scelto sin dal titolo e dall’immagine, raffigurante Pelé e Garrincha,
di narrare il come la rappresentazione di alcuni giocatori abbia potuto
influire sulla creazione (o perlomeno sulla definizione) di una serie di
miti calcistici. Le vicende umane e calcistiche di Pelé e Garrincha
sintetizzano pienamente il senso che si vuole dare all’incontro, allargando
la dicotomia Angeli e Demoni, vista come rappresentazione di modelli
positivi e negativi, indotti o dedotti, dal contesto calcistico brasiliano a
quello mondiale.

Specialisti di diverse aree linguistico-letterarie: anglisti, ispanisti,
lusitanisti e germanisti si passeranno la palla in un evento che ammicca,
fin dal sottotitolo, all’imminente competizione mondiale. E non sarà solo la
rappresentazione di grandi campioni del passato ad essere oggetto di
discussione: i titoli degli interventi promettono l’analisi di fenomeni
sociali, eventi storici, particolarità linguistiche, discorsi legati
all’identità nazionale, temi che trovano nel calcio il loro filo conduttore.

Google+
© Riproduzione Riservata