• Google+
  • Commenta
11 maggio 2006

Unimore: Laurea ad Honorem a Enzo Biagi

Enzo Biagi ha ricevuto la laurea specialistica ad honorem in Nuovi Media e Comunicazione Multimediale dell’Università degli studi di Modena e Reggio
Enzo Biagi ha ricevuto la laurea specialistica ad honorem in Nuovi Media e Comunicazione Multimediale dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia. Il riconoscimento gli è stato attribuito per avere avuto “il merito di spiegare e far capire a tutti che cosa stava succedendo nel mondo intorno a loro”.

Enzo Biagi, dopo tanti premi ed attestati ricevuti nella sua lunga carriera di giornalista e scrittore, aggiunge ora anche il riconoscimento di dottore magistrale in Nuovi Media e Comunicazione Multimediale. La cerimonia di consegna della Laurea Specialistica ad Honorem si è svolta giovedì 11 maggio 2006.
Davanti ad un numeroso pubblico, composto dalla folta corte dei togati dell’Ateneo, da autorità civili e religiose, da colleghi e studenti, accorsi all’ex Caserma Zucchi di Reggio Emilia, oggi prestigiosa sede universitaria per attività didattiche e scientifiche, Enzo Biagi, incalzato da cinque studenti e neolaureati di Scienze della Comunicazione e dell’Economia, con la sua lectio magistralis ha dato ancora una volta prova delle sue abilità di linguaggio e chiarezza, rispondendo con efficacia alle loro domande.
Le complesse e differenziate esperienze professionali di Enzo Biagi, che ha sempre saputo adattare lo stile al mezzo di comunicazione, hanno attraversato tutti i mezzi d’informazione, vecchi e nuovi: dalla radio frequentata a Bologna nel primissimo dopoguerra, ai quotidiani, ai periodici, ai libri, alla televisione, fino al fumetto.
La decisione di concedere la Laurea ad Honorem ad una delle più autorevoli voci del giornalismo italiano scaturisce dalla volontà della facoltà di Scienze della Comunicazione e dell’Economia, che – unanimemente – il 14 giugno 2005 ha adottato il provvedimento straordinario, il primo del genere nella storia di questa giovane facoltà nata ufficialmente nel 2001, con la motivazione che “ha avuto il merito di spiegare e far capire a tutti che cosa stava succedendo nel mondo intorno a loro”.
La prosa di Enzo Biagi è asciutta, concreta, immediata e contemporaneamente anche ironica, senza essere mai sterile e spinge a fare ragionare il lettore od il telespettatore. I suoi libri e i suoi racconti narrano momenti storici che sono veri e propri intrecci.
Sin dall’inizio della sua carriera Enzo Biagi ha saputo coltivare la fondamentale lezione del buon giornalista, quella di svolgere una cronaca attenta agli eventi, trovando un modo originale di raccontare i fatti attraverso le persone, con la cautela di fare, di un uomo o di una donna, il protagonista della notizia senza lederne la dignità, senza scalfire il rispetto che si deve alla persona, qualunque sia il motivo per il quale “finisce in prima pagina”.
Ciò che Enzo Biagi sa fare di diverso è di accompagnare il racconto storico con episodi, dialoghi, curiosità, costruendo un mix di narrativa che combina insieme le caratteristiche di un romanzo, di un dialogo, di un’intervista e di un paragrafo di storia. La sua prosa oltrepassa tanti schemi. Egli è in possesso di una formula che permette di andare oltre l’alfabeto, il dizionario, l’inchiostro e dove la sua scrittura da sola diventa come un “vento che parla” che porta voci, dialoghi, storie, amori e silenzi.
La suggestività dell’evento, reso ancora più solenne dalla presenza dell’Coro dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia diretto dal M.o Antonella Coppi, dopo gli interventi del Rettore prof. Gian Carlo Pellacani, del Preside della facoltà di Scienze dalla Comunicazione e dell’Economia prof. ssa Paola Vezzani, che ha dato lettura delle motivazioni alla base dello straordinario provvedimento adottato dall’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, e del prof. Andrea Ginzburg, ha avuto il suo momento più significativo e toccante quando, sulle note del “Gaudeamus Igitur”, gli è stato imposto il tocco accademico ed il Rettore gli ha consegnato la pergamena di laurea ed il Sigillo d’oro.
“Le virtù di Enzo Biagi, – ha commentato la prof.ssa Paola Vezzani- sono quelle in cui la Facoltà crede e forma i suoi studenti e poiché di fatto la professione del giornalista è una, anche se non l’unica, di quelle cui possono aspirare i nostri laureati, nel conferire la laurea ad honorem a Enzo Biagi riteniamo non solo di rendere omaggio ad un vero e proprio maestro di giornalismo e di sfide e innovazioni intellettuali, ma soprattutto di segnalare ai giovani un percorso di passione e di impegno civile che difende l’indipendenza in ogni circostanza”.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy