• Google+
  • Commenta
6 giugno 2006

Hackers: entrano all’Università dell’ Ohio

Per più di un anno una backdoor (porta) ha consentito ad anonimi hackers (intrusi informatici) di tutto il mondo, l’accesso sui server acca

Per più di un anno una backdoor (porta) ha consentito ad anonimi hackers (intrusi informatici) di tutto il mondo, l’accesso sui server accademici dell’ Università dell’ Ohio – Athens (USA).
Dai primi rapporti, sembra che gli amministratori non avessero eseguito i giusti aggiornamenti di sistema per “tappare” una falla di sicurezza.
Gli inquirenti hanno infatti scoperto che i server universitari erano diventati il ” parco dei divertimenti ” per centinaia di hackers sparsi in tutto il mondo.
Il sistemista dell’Università ha dichiarato che quest’ ultimi avrebbero sottratto un’enorme quantità di
dati sensibili, quantificabile in 137mila fascicoli personali di studenti ed impiegati.
Secondo i più recenti studi di settore, i server delle università americane sono i sistemi informatici più
vulnerabili degli USA.
Negli ultimi tempi, i sistemisti degli atenei statunitensi hanno iniziato a far sentire
la propria voce e reclamano maggiori finanziamenti per contrastare questo inquietante fenomeno;
Servono linee guida e finanziamenti per sapere esattamente come reagire, in quanto non sono aziende private in grado di reagire con prontezza ai rischi informatici.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy