• Google+
  • Commenta
16 giugno 2006

Italia-Usa si accende la sfida…..con dichiarazioni al vetriolo

Sarà che gli Americani sono tradizionalmente molto competitivi, sarà che pur se il calcio continua a non sedurre gli Stati Uniti, non
Sarà che gli Americani sono tradizionalmente molto competitivi, sarà che pur se il calcio continua a non sedurre gli Stati Uniti, non gli va comunque giù di non essere rappresentati da una grande nazionale nello sport più seguito al mondo, fatto sta che le ultime dichiarazioni del c.t. Bruce Arena hanno fatto molto discutere.
Prima dei mondiali l’allenatore statunitense esordì con una battuta da Guerra Fredda “Siamo una potenza anche nel calcio”( La Repubblica Ceca non è stata della stessa opinione)
La situazione è “degenerata” ieri quando lo stesso Arena ha esordito dicendo “Con l’Italia sarà una guerra” aprendo molte polemiche e facendo rabbrividire Berlusconi che quasi quasi cominciava a crederci anche lui che l’Italia fosse diventata il miglior amico degli Stati Uniti.
Sicuramente sono frasi dette per mantenere alta la concentrazione e la tensione alla vigilia di uno scontro che vede l’Italia nettamente favorita, resta il fatto che denota un paese che affronta ogni situazione della propria esistenza come fosse una guerra, si fa la guerra a tutto dal terrorismo all’Iraq, dalle sigarette all’obesità……. all’Italia!
Certo non si può dargli torto, la nazionale Usa è costretta in un albergo blindato dalla presenza di polizia e cani antiespolosivo, la paura di un attentato sia all’estero sia in patria è diventata una vera e propria fissazione che, sebbene pienamente comprensibile, non toglie il fatto che dal 2001 gli Stati Uniti vivano una guerra virtuale che sta condizionando non poco il loro stile di vita.
Dall’altra sponda l’Italia ben si guarda da fomentare questo clima della vigilia con altre dichiarazioni e con l’aria che tira li si può capire, fra la vicina partita con la Repubblica Ceca, lo scandalo di Piedi Puliti, i nostri giocatori hanno di meglio da fare che dare credito alle manie di grandezza americane.

Google+
© Riproduzione Riservata