• Valorzi
  • Santaniello
  • De Luca
  • Cacciatore
  • Paleari
  • Crepet
  • Alemanno
  • Chelini
  • Miraglia
  • De Leo
  • Quarta
  • Califano
  • Bonanni
  • Cocchi
  • Scorza
  • Buzzatti
  • Pasquino
  • Baietti
  • Algeri
  • di Geso
  • Ferrante
  • Casciello
  • Romano
  • Leone
  • Dalia
  • Napolitani
  • Grassotti
  • Mazzone
  • Falco
  • Romano
  • Carfagna
  • Boschetti
  • Gelisio
  • Ward
  • Bonetti
  • Bruzzone
  • Barnaba
  • Rossetto
  • Coniglio
  • Meoli
  • Rinaldi
  • Tassone
  • Liguori
  • Gnudi
  • Andreotti
  • Catizone
  • Quaglia

Calciopoli: Sentenze e nuovi scenari… Bye bye Juventus!

17 Luglio 2006
.
01/08/2021

Alla fine Guido Rossi e tutta la Giustizia Sportiva non hanno deluso le aspettative, severità e rigore sono state le parole d’ordine che hann Alla fine Guido Rossi e tutta la Giustizia Sportiva non hanno deluso le aspettative, severità e rigore sono state le parole d’ordine che hanno portato alla sentenza di venerdì sera.

Juventus retrocessa in serie B con 30 punti di penalizzazione insieme a Fiorentina (-12) e Lazio (-7). Discorso diverso per il Milan che, forse anche grazie alle denuncie di strumentalizzazioni politiche fatte dal suo proprietario Silvio Berlusconi, è riuscito a risparmiarsi la serie cadetta ma non 15 punti di penalizzazione e le esclusione dalle Coppe.
Delusi quelli che speravano nel classico finale a “tarallucci e vino”, chi per accattivarsi le simpatie di un maggior numero di elettori, chi non riuscendo a nascondere le propria parzialità da tifoso, gli uomini politici italiani non hanno perso occasione per tacere, sia a destra che a sinistra, con affermazioni fuori luogo sul “giustizialismo” quasi non si rendessero conto della gravità inaudita dei fatti emersi negli ultimi mesi.
Gli scenari che si aprono adesso sono decisamente curiosi, in primo luogo l’esclusione di queste squadre ha aperto la strada alla Champions League a piccole realtà provinciali come il Chievo o il Palermo. Mentre la serie B si è trasformata in una sorta di A1, dove giocano club del calibro della Juve, Lazio, Fiorentina ma anche Bologna, Napoli e Genoa.
Innegabile e comprensibile l’amarezza dei tifosi delle squadre colpite, vittime innocenti di un calcio malato ma a tutti gli uomini politici e non, che negli ultimi giorni speravano in una soluzione che non penalizzasse i tifosi, rispondono i Napoletani e i Genovesi, tifoserie da sempre bistrattate dai poteri forti, che hanno pagato la retrocessione delle proprie squadre in serie C senza per questo perdere l’amore per la propria maglia, per il Napoli Calcio, inoltre, la soddisfazione che dopo aver tanto sperato di andare in serie A al più presto è stata la serie A a venire a Napoli!

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata