• Crepet
  • Pasquino
  • Coniglio
  • Meoli
  • Scorza
  • Carfagna
  • Rossetto
  • Bonanni
  • Napolitani
  • Rinaldi
  • Alemanno
  • Barnaba
  • Quaglia
  • Dalia
  • Miraglia
  • Cocchi
  • Valorzi
  • De Leo
  • Andreotti
  • Bonetti
  • Bruzzone
  • Boschetti
  • Romano
  • Liguori
  • Ward
  • Gnudi
  • Gelisio
  • Califano
  • Chelini
  • Santaniello
  • Algeri
  • Quarta
  • Buzzatti
  • Mazzone
  • di Geso
  • Falco
  • Baietti
  • Romano
  • Tassone
  • Leone
  • De Luca
  • Paleari
  • Grassotti
  • Cacciatore
  • Casciello
  • Catizone

“Estate universitaria veronese 2006”: Doppio appuntamento con il cinema

13 Luglio 2006
.
22/04/2021

Serata all’insegna del cinema per l’Università degli Studi di Verona con la proiezione di due pellicole che ripercorrono il Reincanto dell’ Serata all’insegna del cinema per l’Università degli Studi di Verona con la proiezione di due pellicole che ripercorrono il Reincanto dell’estate universitaria.

La serata di venerdì 14 luglio si aprirà alle 21 nell’aula magna del Polo didattico Giorgio Canotto con la visione del progetto filmico realizzato dalla redazione Unicinema intitolato “La città nello specchio di Alice”. Seguirà alle 22.30, un breve intervento del professore Domenico Secondulfo, docente di Sociologia Generale dell’Università degli studi di Verona, per presentare la seconda pellicola intitolata “L’estate di mio fratello” prodotta dal regista Pietro Reggiani.

Il lavoro realizzato dalla redazione di Unicinema è frutto di un grande entusiasmo e impegno guidato dalla voglia di presentare un percorso nella magia dei film che hanno amato la città. Si tratta di una operazione metafilmica costruita intorno alla doppia polarità di disincanto e reincanto spaziando attraverso vari generi, varie tecniche cinematografiche e varie epoche, con l’intento di cogliere il potere dello sguardo. Il gruppo ha tentato di creare un laboratorio sulla visione, mediata dall’occhio sapiente di grandi registi che possono insegnare agli spettatori la forza incantatrice di un sguardo. Sguardo che può essere dello straniero che arriva in una nuova città, del bambino, o di un adulto che ritorna per un attimo bambino, come il dottore Snaporaz di Marcello Mastroianni nel film di Fellini “La città delle donne”. Lo sguardo di chi acquista nuovi poteri che gli fanno cambiare il suo rapporto con lo spazio (Daredevil), lo sguardo dell’angelo (Il cielo sopra Berlino), lo sguardo di chi è in grado di aprire varchi su nuovi mondi grazie alla magia (Mary Poppins) o grazie alla tecnologia (Matrix).

La serata continuerà con la presentazione della “L’estate di mio fratello” prodotta da Pietro Reggiani. Regista veronese, padovano d’adozione che ha lavorato come copywryter e sceneggiatore di fumetti. Ha debuttato nel cinema con il corto “Asino chi legge”, presentato e premiato in numerosi festival. Il film ha ricevuto un riconoscimento speciale dalla giuria al Tribeca Film Festival 2005 (New York) e al Festival du Monde di Montreal 2005 ed è stata premiata come miglior film al Bergamo Film Meeting 2005. Film che ripercorre l’infanzia veronese di Sergio con l’intento di offrire dell’immaginario dei bambini un ritratto ravvicinato e avvincente.

Alla rappresentazione parteciperà il critico cinematografico Luca Barnabé, laureato alla Facoltà di Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo Iulm di Milano. Dal 1999 collabora per Duel e nel 2001 comincia a scrivere per il mensile di cinema Ciak. Nel 2002 ha partecipato a un saggio collettivo su Spielberg, curato dal critico Ezio Alberione (Incubi e meraviglie, ed. Unicopli). Nel 2005 ha scritto un libro su Clint Eastwood, per la collana Grandi Registi, Mondadori.

L’ingresso è libero previo ritiro dei coupon.

© Riproduzione Riservata