• Andreotti
  • Falco
  • Tassone
  • Buzzatti
  • Romano
  • Liguori
  • Rossetto
  • Boschetti
  • Barnaba
  • Leone
  • Paleari
  • Valorzi
  • Coniglio
  • Cocchi
  • Grassotti
  • Rinaldi
  • Carfagna
  • Miraglia
  • Ward
  • Dalia
  • Mazzone
  • Califano
  • Gelisio
  • Scorza
  • Meoli
  • Casciello
  • Bonanni
  • Baietti
  • Napolitani
  • De Luca
  • Quaglia
  • Bonetti
  • Chelini
  • Santaniello
  • Pasquino
  • Catizone
  • Cacciatore
  • Alemanno
  • Algeri
  • Quarta
  • Bruzzone
  • di Geso
  • Crepet
  • De Leo
  • Romano
  • Gnudi
  • Ferrante

Lecco: 20 anni per l’infermiera Killer

11 Luglio 2006
.
25/09/2021

"Volevo solo attirare l'attenzione su di meperchè mi sentivo sottovalutata.



E poi quelle persone destinate a morire in poco tempo mi facevano
“Volevo solo attirare l’attenzione su di meperchè mi sentivo sottovalutata. E poi quelle persone destinate a morire in poco tempo mi facevano pietà. Ecco perchè ho accelerato i tempi del loro decesso”. Così parlava l’infermiera Sonya Caleffi il 16 dicembre 2004, giorno della sua consegna spontanea alla polizia. Oggi la donna è stata condannata a 20 di carcere con l’accusa di aver ucciso dodici pazienti e aver tentato altrettanto con altri tre.
Il Gup di Lecco Gian Marco De Vincenzi ha escluso la premeditazione nelle azioni dell’infermiera che uccideva i suoi pazienti iniettandogli una siringa d’aria. Sonya Caleffi, oggi 36 anni, ai tempi lavorava presso l’ospedale Alessandro Manzoni di Leccco, in precedenza prestò servizio presso il Valuce di Como. SI è appurato che la donna soffriva di disturbi psichici e in passato anche di anoressia.
“Aveva paura di perdere il posto – ha tentato di spiegare la madre della Caleffi – e ha esagerato nel voler dimostrare la sua bravura tentando di porre rimedio a delle situazioni che lei stessa creava artificialmente”.

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata