• Ward
  • Tassone
  • Catizone
  • Cocchi
  • Dalia
  • Quarta
  • Andreotti
  • Mazzone
  • Romano
  • Bruzzone
  • Bonanni
  • Califano
  • Scorza
  • Casciello
  • Gnudi
  • Santopietro
  • Alemanno
  • Rossetto
  • Romano
  • Valorzi
  • Crepet
  • Bonetti
  • Buzzatti
  • Meoli
  • Baietti
  • Falco
  • De Leo
  • Pasquino
  • Algeri
  • Leone
  • Santaniello
  • Paleari
  • Vellucci
  • Rinaldi
  • Abete
  • di Geso
  • Miraglia
  • Grassotti
  • Chelini
  • Cacciatore
  • Quaglia
  • Boschetti
  • Liguori
  • Gelisio
  • De Luca
  • Russo
  • Coniglio
  • Barnaba

L’offesa a Zidane: la fifa apre un’inchiesta

12 Luglio 2006

Verrà aperta un’inchiesta dalla Fifa sull’increscioso episodio che ha coinvolto Materazzi, colpito da una testata di Zidane domenica sera, Verrà aperta un’inchiesta dalla Fifa sull’increscioso episodio che ha coinvolto Materazzi, colpito da una testata di Zidane domenica sera, durante la finale dei mondiali.

Di certo sarà un’inchiesta che non avrà tempi brevi, perché non necessari ma che potrebbe anche portare alla revoca del pallone d’oro mondiale per il francese, secondo il parere di Blatter. A quanto pare ci sarebbe anche una nuova “prova”, un’immagine dell’episodio ripresa dalla televisione brasiliana, Rede Globo, che verrà senza dubbio analizzata e controanalizzata, alla ricerca di quel fatidico insulto che avrebbe fatto scatenare la furia – comunque ingiustificata – del giocatore francese. Tra le versioni più accreditate c’è quella che riguarda gli elogi per alcune qualità della sorella di Zidane; seguono il medesimo insulto rivolto però alla madre e, per finire, anche quello di ‘terrorista’. E mentre Materazzi smentisce si alzano voci allucinate in difesa del giocatore francese. Una è quella del difensore del Chelsea, Gallas, che ha detto di voler spaccare la faccia all’italiano, l’altra – molto più originale – è quella della madre di Zidane, che ha chiesto i testicoli di Materazzi su un piatto. Intanto l’eroe dei francesi parlerà a Canal Plus per raccontare la sua verità. Poco importa comunque, non saranno certo le ragioni di Zidane o la “caccia all’insulto” ad annacquare ciò che veramente conta: il gol, il rigore, la Coppa del Mondo, l’orgoglio di essere Italiani.

© Riproduzione Riservata