• Califano
  • Coniglio
  • Mazzone
  • Paleari
  • Gnudi
  • Meoli
  • Scorza
  • Algeri
  • Liguori
  • Santaniello
  • Alemanno
  • De Leo
  • De Luca
  • Pasquino
  • Abete
  • di Geso
  • Gelisio
  • Romano
  • Rinaldi
  • Russo
  • Valorzi
  • Catizone
  • Tassone
  • Andreotti
  • Rossetto
  • Quaglia
  • Dalia
  • Crepet
  • Bruzzone
  • Miraglia
  • Barnaba
  • Ward
  • Santopietro
  • Grassotti
  • Baietti
  • Quarta
  • Boschetti
  • Vellucci
  • Cocchi
  • Bonanni
  • Romano
  • Buzzatti
  • Leone
  • Bonetti
  • Cacciatore
  • Casciello
  • Chelini
  • Falco

“No ai farmaci nei supermarket”: una promessa già smentita

5 Luglio 2006

Appena diventata Ministro della Salute, Livia Turco aveva dichiarato con fermezza la sua contrarietà alla vendita dei farmaci nei supermerc Appena diventata Ministro della Salute, Livia Turco aveva dichiarato con fermezza la sua contrarietà alla vendita dei farmaci nei supermercati.

“Le farmacie – aveva detto il Ministro – devono diventare sempre di più un presidio del Servizio Sanitario Nazionale per garantire la continuità assistenziale e per dare le informazioni giuste ai cittadini”. L’obiettivo della Turco era, fino a qualche tempo fa, quello di aprire una nuova stagione di rilancio e di sviluppo dell’intero comparto farmaceutico, inteso come patrimonio strategico del nostro Paese. Beh, un bel programma, non c’è che dire. Peccato che, a meno di tre mesi dall’inizio del Governo Prodi, cotanta promessa sia già stata spazzata via dal decreto legge sulle liberalizzazioni proposto dal collega Bersani, Ministro dello Sviluppo Economico. A questo punto la logica avrebbe voluto che si verificasse uno scambio di vedute acceso, uno scontro fra i Ministri interessati, tra chi vuole e chi no “l’angolo farmaci” al supermercato. Ma tutto questo non è avvenuto grazie alla Turco che, pur essendosi prodigata inizialmente per il ‘no’, immedesimandosi per un giorno nella parte di Dr. Jekill e Mr. Hide, è riuscita ad affermare trionfante: “Il provvedimento esaminato oggi dal Consiglio dei Ministri è di grande rilievo e da me pienamente condiviso perchè favorisce la concorrenza, la competitività e la liberalizzazione di alcuni importanti settori produttivi e di servizi”. Tutti d’accordo insomma. E complimenti per la coerenza, Ministro.
Non è qui in discussione la politica delle liberalizzazioni intrapresa dal Governo Prodi, se sia o non sia giusta per il nostro Paese. Il discorso è un altro, è la coerenza delle dichiarazioni rispetto alle decisioni, è la superiorità del diktat politico rispetto alle promesse delle Istituzioni. Comunque questa farsa a qualcosa è servita: la prossima volta sapremo già che si farà il contrario di ciò che si è promesso, tanto, a sentire loro, in ogni caso è sempre un successo.

© Riproduzione Riservata