• Google+
  • Commenta
2 agosto 2006

Arriva l’estate, paura d’innamorarsi

“L’amore non è razionalità” così cantava Raf in una strofa di una celebre canzone, tema caldo alla vigilia delle vacanza estive
“L’amore non è razionalità” così cantava Raf in una strofa di una celebre canzone, tema caldo alla vigilia delle vacanza estive, stagione propizia alla nascita dei nuovi amori.
Storie che nascono e muoiono nel giro di pochi giorni, settimane che lasciano ricordi meravigliosi, pensieri su quello che avrebbero potuto diventare o vero amore? Dubbi atroci sul perchè non ha funzionato. Ma non è sempre così, a volte invece funzionano, sono storie che nascono così, quasi per gioco, e che invece diventano serie e persistono nel tempo, partono come amori estivi per poi evolvere in amori della vita. Ma per poterlo diventare è necessario che ci siano delle basi e dei presupposti facilmente individuabili. Basta sapere cosa cercare.
Una pluralità di soluzioni si presentano in merito, tanti fattori da analizzare per capire se la storia che si sta vivendo ha un futuro dopo la stagione estiva.
In primis va vagliato se il nostro lui/lei é single o se ha lasciato a casa la dolce metà per catapultarsi alla ricerca di novità, di emozioni da conservare e chiudere in una scatola al ritorno al dovere; rilevanti poi anche la componente età e provenienza.
In vacanza non ci sono limiti, si possono incontrare persone di ogni città e nazione con cultura e usi diversi, il che potrebbe esser considerevole per il futuro.
La bella stagione è spesso vissuta come un momento liberatorio, di fuga dalla quotidianità, la mente è più libera dai pensieri, si è immersi in una dimensione irreale, senza doveri ma solo piaceri e si è dunque spensierati e il terreno è più fertile anche per le nuove relazioni amorose. Va da sé che se le persone si divertono, sono anche predisposte a fare nuove amicizie,a conoscersi senza l’ansia di esser controllati, visti da qualcuno o da dover esser altrove per dedicarsi a qualche noioso e faticoso compito.
Bisogna esser lucidi però, coscienti che l’idilliaco mondo vacanziero potrebbe non rivelarsi tale con lo scontro dovuto al ritorno alla vita di sempre, agli impegni, alle pressioni di colleghi, genitori, ai limiti di orari del coprifuoco. In questo clima fortemente caratterizzato dagli aspetti più giocosi ed allegri che la vita possa offrire è evidente come sia facile per le persone incontrarsi ed allacciare nuove relazioni basate in particolare sulla condivisione che si desidera vivere l’aspetto ludico della relazione stessa in tutte le sue componenti tralasciando la componente impegnativa.
Se una relazione estiva può avere delle possibilità di divenire una relazione di lunga durata lo si potrà sapere solo quando, con l’arrivo di settembre, si sarà rincasati e si potrà sperimentare insieme la quotidianità, molto diversa dall’atmosfera surreale vacanziera ma fondamentale per porre le fondamenta di una conoscenza finalizzata alla costruzione di un rapporto.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy