• Google+
  • Commenta
25 agosto 2006

Auguri matricole!

Quando mi iscrissi due anni fa all’università, non fui piacevolmente colpito da quella serie di numeri che, a pensarci bene, avrebbero rapp

Quando mi iscrissi due anni fa all’università, non fui piacevolmente colpito da quella serie di numeri che, a pensarci bene, avrebbero rappresentato per l’intera carriera accademica il mio percorso di studi. Ebbene sì, cari neo-diplomati, preparatevi anche voi all’amaro timbro, quello della matricola universitaria, che sarà indispensabile per poter riconoscere, dare un’identità alle folle di studenti accalcati in attesa di dare un esame e di poter registrare, dopo mesi di studio costante, o magari qualche settimana di immersione intensiva fra i libri, un sudatissimo 30/30 (si spera!). Come per ogni avventura che si rispetti, anche per quella universitaria le speranze sono tante, e non da meno le paure di doversi abituare, di lì a poco, a una vita completamente diversa, piena di responsabilità e così lontana dalla fin troppa comoda istruzione liceale, niente a che vedere con esami e piani di studi, veri e propri ostacoli da superare lungo la strada dell’agognato diploma di laurea. Ormai l’estate è agli sgoccioli, e le giornate spensierate, quelle successive alla formalità dell’esame di stato, sono ormai alle spalle. Si avvicinano sempre più, invece, i primi, temuti giorni di settembre, “catacombe” per centinaia di ragazzi e ragazze desiderosi di trovare un posto tra gli eletti dei test di ammissione ai corsi di laurea a numero chiuso. Ma prima ancora, però, ci sono i lunghi giorni a raccapezzarsi tra le innumerevoli proposte di studio che le università italiane fanno ai loro preziosi studenti, fonte inesauribile di conoscenza e, in particolar modo, di finanziamento. Ecco, allora, la disperazione dei più indecisi e la sicurezza ferrea dei più decisi, consapevoli della propria scelta universitaria, magari già da qualche anno. Ma a parlar di matricole, le sicurezze ben presto finiscono, ed iniziano i primi giorni appresso alle incasinate bacheche di facoltà, in cerca degli orari e delle aule dei propri corsi: un’odissea! Non preoccupatevi, però, e soprattutto non mollate le redini della vostra buona volontà, compagna di viaggio fondamentale per i duri, sacrificati, ma indimenticabili anni di università. I giorni del rimpianto, purtroppo, non tarderanno ad arrivare!

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy