• Google+
  • Commenta
23 agosto 2006

Custumerium: la città re-romana alle porte di Montesacro

Sono nato e cresciuto a Montesacro, quartiere ubicato nella zona nord–est di Roma. Quando da piccolo giocavo con gli amici nei vasti e selvaggi parchiSono nato e cresciuto a Montesacro, quartiere ubicato nella zona nord–est di Roma. Quando da piccolo giocavo con gli amici nei vasti e selvaggi parchi della mia zona, mi sembrava di scorgere, tra l’incolta vegetazione, alcuni resti che ritenevo fossero d’età romana. Nel farlo notare, i ragazzi più grandi, scettici, mi rispondevano: “ ma che stà dì, a Pantè, quelli so pezzi de case vecchie che la gente nun vole più. E mò sti zozzi che fanno? Li buttano ar prato” ( ma che vai dicendo, Pantera – era il mio buffo soprannome-, quelli sono pezzi di case vecchie che non servono più. Ed allora la gente, che è sporca, cosa fa? li getta nel prato). Avevamo entrambi torto. Erano si, resti antichi, ma non romani, bensì di Crustumerium, città latina nata ancor prima di Roma. Grazie al prezioso lavoro del Gruppo Archeologico dell’Associazione DLF ( Dopo Lavoro Ferroviario ) di Roma, composto da soli volontari, a cui si deve l’importante scoperta archeologica, oggi sappiamo abbastanza su questo rilevante centro pre-romano.
La città si estendeva per oltre 60 ettari ed era popolata da circa seimila persone (pastori, agricoltori, guerrieri). Il territorio ove sorgeva Crustumerium, è oggi parte della riserva naturale della Marcigliana, il grande parco confinante con il Municipio di Montesacro.
La nascita della città risale almeno al IX secolo A.C., ma probabilmente ha origini molto più antiche. La sua fioritura si sviluppò fino al VI secolo A.C., a causa, soprattutto, del controllo diretto della via antichissima, ove si svolgevano intensi rapporti commerciali, tra Etruria e Campania. Virgilio cita Crustumerium tra le città che presero armi contro Enea ( Eneide VII, 630-631 ) “ … Atina potens Tiburumque superbum / Ardea Crustumeri(que) et turrigerae Antemnae “. Nel famoso “Ratto delle Sabine” furono coinvolte anche le donne di Crustumerium; al termine delle ostilità i suoi abitanti furono deportati a Roma. Dì lì a poco, correva l’anno 499 a.C., Roma conquistava definitivamente la città latina, suddividendone il territorio in possedimenti agricoli. Era la fine di Crustumerium, città latina di gran lunga più antica di Roma, dormiente sotto l’erbe dei parchi di Montesacro.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy