• Google+
  • Commenta
30 agosto 2006

Unige: scienze politiche: sessione autunnale di appelli

GENOVA. La città lentamente si sta ripopolando con i rientri dalle vacanze. Ogni giorno la zona del terminal traghetti, è bloccata da
GENOVA. La città lentamente si sta ripopolando con i rientri dalle vacanze. Ogni giorno la zona del terminal traghetti, è bloccata dal traffico in uscita dal porto e diretto verso i caselli autostradali. Dalle stazioni di Genova Brignole e Genova Piazza Principe, si vedono arrivare i pochi ragazzi che resistono tenacemente alle offerte delle compagnie aeree low cost, carichi di zaini come gli sherpa sull’Himalaia, che rientrano dall’esperienza dell’InterRail. E le biblioteche Berio e De Amicis, da sempre luogo di studio degli universitari genovesi si stanno riempiendo sempre più. La sessione autunnale di appelli è imminente, nella Facoltà di Scienze Politiche, inizierà già da lunedì 4 settembre e proseguirà fino alla fine del mese, giusto in tempo per l’inizio delle lezioni. Entrando nelle sale di letture delle biblioteca Berio, la tensione è palpabile, si vedono ragazzi chini sui più disparati testi: dagli esami di sbarramento dei primi anni al più semplice opzionale tenuto in caldo come ultimo esame prima della tesi. E’quasi impossibile tenere un computo delle sigarette e dei chewingum consumati a causa dell’ansia e del nervosismo, in attesa del fatidico giorno. Persino lo studente più consumato, quello che ormai da anni è fuori corso non riesce a rinunciare al rito del caffè o della sigaretta scacciatensione, insieme ad altri compagni di sventura. Tensione e nervosismo che, nella maggior parte dei casi, svaniranno improvvisamente alla prima domanda posta dal professore e lasceranno posto alla grinta e alle risposte agli interrogativi posti dal docente.

Google+
© Riproduzione Riservata