• Google+
  • Commenta
14 settembre 2006

Al servizio degli studenti

Per chi volesse orientarsi al meglio nei meandri di un’università che, a volte, rende a dir poco ardua la vita quotidiana degli studenti, la
Per chi volesse orientarsi al meglio nei meandri di un’università che, a volte, rende a dir poco ardua la vita quotidiana degli studenti, la parola magica è una sola: Tutorato, ovvero il servizio che mette a disposizione degli universitari l’esperienza di chi li ha preceduti nell’agognato conseguimento della laurea. Come spesso accade, America docet: è ormai da vent’anni che gli Usa curano con particolare attenzione le study skills, quelle abilità di studio che vanno al di là dell’apprendimento “libresco”. Gestire il tempo, prendere appunti, lettura veloce ed elaborazione degli scritti sono solo un esempio dei corsi attivati dalle università d’oltre oceano per aiutare gli studenti durante il loro percorso di studio. A fronte di un calo degli abbandoni pari all’8% della popolazione universitaria americana, sembra che il metodo funzioni. Per questo alcune delle istituzioni accademiche italiane hanno deciso di seguire il consiglio made in Usa cominciando a sviluppare anch’esse fitte reti di tutor al servizio dei propri allievi. Se ne è discusso, tra l’altro, ad un convegno tenuto a Padova dalla Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (Crui) per fare il punto della situazione sui programmi volti ad agevolare la strada verso la laurea. E proprio Padova, non a caso, è stata una delle prime ad offrire un efficace servizio di Tutorato con circa 120 tutor in attività, scelti tra i migliori dottorandi e laureati dell’Ateneo attraverso concorsi pubblici. Non da meno il Progetto “Tool” (Tutor d’Orientamento: Obiettivo Laurea), al suo secondo anno accademico con 900 iscritti per il 2006/2007 , varato dall’Università La Sapienza di Roma presso la facoltà di Psicologia 1. Il servizio, infatti, è rivolto agli studenti iscritti al primo anno dei corsi di laurea triennale della facoltà suddetta: ogni ragazzo avrà una password e una pagina personale all’interno del sito www.psi1tool.net, che gli permetterà così di interagire con il proprio tutor di riferimento. Insomma, piccoli grandi tutor crescono!

Google+
© Riproduzione Riservata