• Google+
  • Commenta
18 settembre 2006

Catanzaro: In corso di svolgimento il meeting sullo studio del modello murino

“Using Rodent Models to Study Kidney & Liver Disease”: questo il tema del meeting sullo studio del modello murino per le applicazioni in ambito

“Using Rodent Models to Study Kidney & Liver Disease”: questo il tema del meeting sullo studio del modello murino per le applicazioni in ambito medico in corso di svolgimento presso il Campus universitario di Germaneto. Il workshop, organizzato dall’Università Magna Græcia in collaborazione con l’Indiana University Purdue negli Stati Uniti, l’Università di Tubingen in Germania, l’Università di Modena, e patrocinato dalla Regione Calabria, proseguirà fino al prossimo 21 settembre.

Il comitato organizzatore dell’incontro scientifico è composto dai professori Nicola Perrotti, ordinario di Patologia generale all’Università Magna Græcia, e Bonnie Blazer Yost dell’Indiana University Purdue.

Il meeting rientra nell’ambito di un progetto di ricerca, finanziato dal Ministero dell’Università e della Ricerca, volto alla internazionalizzazione del sistema universitario, che ha per oggetto la possibilità di studiare un modello murino, disegnato proprio presso il laboratorio delll’Ateneo catanzarese diretto dal professor Perrotti. Tale modello murino, infatti, potrebbe trovare applicazione nello studio dei meccanismi ormonali coinvolti nella regolazione della pressione arteriosa e del metabolismo glucidico.

In base a questo progetto il gruppo di Catanzaro, guidato dal professor Perrotti, coordina le attività di studio e ricerca condotte sul tema anche dai gruppi dell’Università di Modena, guidato dalla professoressa Erica Villa, dell’Università di Tubingen, guidato dal professor Florian Lang, e dell’Indiana University Purdue, guidato dalla professoressa Yost.

Il meeting, che prevede sessioni di lavoro mattutine con inizio alle ore 9 e pomeridiane con inizio alle ore 15, rappresenta l’occasione per confrontare e scambiare i risultati delle ricerche finora condotte e per programmare le prossime attività di studio.

E’ prevista la partecipazione di ricercatori e studiosi provenienti dalla Germania, dagli Stati Uniti e da diverse Università italiane.

Grazie a questo progetto alcuni studenti statunitensi hanno avuto già modo di trascorrere un periodo di studio presso l’Università Magna Græcia, partecipando alle attività di ricerca nei laboratori del Campus di Germaneto, mentre alcuni studenti dell’Ateneo catanzarese, nei prossimi mesi, trascorreranno alcuni periodi di studio negli Stati Uniti ed in Germania per portare avanti gli esperimenti previsti dal progetto.

Google+
© Riproduzione Riservata