• Google+
  • Commenta
5 settembre 2006

Chi sono gli introvabili? Ecco la lista dei lavoratori che le Aziende non riescono a reperire

Appartengono alla categoria dei dirigenti, delle professioni intellettuali e tecniche: sono i lavoratori che la stragrande maggioranza delle azi

Appartengono alla categoria dei dirigenti, delle professioni intellettuali e tecniche: sono i lavoratori che la stragrande maggioranza delle aziende italiane ha difficoltà a reperire sul mercato del lavoro. Ma perché? E chi sono i lavoratori “Missing”, che a detta di queste fantomatiche aziende scompaiono nel nulla proprio quando c’è tanto bisogno di loro?
A quanto pare, tra i primi a non essere facilmente o per niente reperiti dalle Compagnie varie, sono i dirigenti di area Ricerca e Sviluppo, ma anche Finanziari, Legali, specializzati nell’industria manifatturiera. Poi vengono gli Specialisti in didattica e formazione, gli Archivisti e operatori dei beni culturali, ingegneri vari, cartografi, registi, infermieri, medici, piloti, atleti, agenti di viaggio e assicurativi, insomma, c’è un po’ di tutto.
Ma nel redigere questa lista, ho sgranato gli occhi leggendo: Archivista e operatore dei beni culturali, allorché circa 10 anni fa, continuando poi il cammino universitario, sono diventata proprio io stessa un operatore dei Beni Culturali, facendo esperienza come Archivista informatico addirittura in Svezia.
Sarà che forse le retribuzioni non sono affatto adeguate al mercato e tanta gente non riesce quindi ad inserirsi o scappa via?
Sarà che molte Aziende sono troppo esigenti dal punto di vista professionale e troppo succinte sul piano delle retribuzioni?
Sembrerebbe che sia proprio questo il problema. Il consiglio è, continuare a specializzarsi, non smettere di approfondire le cose e se possibile, chiedere qualcosa di più, perché sarà anche vero che tante figure professionali non si trovano facilmente, ma è vero anche che tante di queste figure non mancano, ma sono quasi sempre sfruttate e sottopagate e proprio per questo spesso ripiegano all’estero. Soprattutto se giovani.
Io dico che le Aziende nostrane farebbero bene a stare un po’ più attente anche alle esigenze dei lavoratori che assumono o vorrebbero assumere e forse il problema si risolverebbe.

Google+
© Riproduzione Riservata