• Google+
  • Commenta
11 settembre 2006

Il crampo dello scrivano: ecco cos’è per il prof. Aglioti

Come scrivere italiano
crampo dello scrivano

crampo dello scrivano

Il Prof. Aglioti ha concesso a Controcampus un’intervista telefonica in cui spiega nel dettaglio modalità ed esiti dell’esperimento sul crampo dello scrivano.

Il blocco motorio di una zona del corpo comprometterebbe la rappresentazione mentale della parte in questione: è questo quanto emerge da una riIl blocco motorio di una zona del corpo comprometterebbe la rappresentazione mentale della parte in questione: è questo quanto emerge da una ricerca pubblicata su “Brain” la prestigiosa rivista internazionale di neurologia, condotta dal Prof.

Salvatore Maria Aglioti, professore ordinario della Facoltà di Psicologia della Sapienza che in collaborazione con il Professor Michele Tinazzi e la dottoressa Mirta Fiorio dell’Università di Verona hanno compiuto uno studio su individui affetti da distonia focale, meglio conosciuta come crampo dello scrivano, un disturbo motorio che riguarda generalmente la mano destra.

Professore, come si è svolto l’esperimento? Più che di un esperimento si è trattato di uno studio comportamentale volto a verificare la velocità ed accuratezza nello svolgere un compito nel caso di persone normali ed affette da problemi motori.”

“Abbiamo somministrato in successione a due gruppi di persone delle immagini raffiguranti mani e piedi in diverse posizioni rispetto al piano verticale. I pazienti dovevano riferire verbalmente se una mano o piede, presentati sullo schermo del computer, fosse destra o sinistra e per svolgere questo compito dovevano immaginare il movimento relativo alla propria parte del corpo.”

E cosa avete notato? Abbiamo notato che in soggetti affetti da questa patologia la capacità di ruotare mentalmente quella parte del corpo, in questo caso entrambe le mani, è notevolmente rallentata rispetto alle persone del gruppo del gruppo di controllo.”

“Quindi, stando agli esiti della sperimentazione, se un individuo fosse affetto da crampo dello scrivano risulterebbe difficile per lui immaginare la rotazione non solo della parte parte in questione ma addirittura di entrambe le mani?”

“Esattamente. Questo prova che la distonia focale è un problema che riguarda il cervello e non la rete periferica come si credeva.”

Cosa avviene nel cervello del malato? “Si viene a creare un’anomalia nei collegamenti tra corteccia motoria e gangli della base con le conseguenze ben note: indolenzimento della mano sino al totale arresto delle attività.”

Qual’è il fine dello studio? “Il fine è quello di prevenire questo disturbo grazie all’uso di determinati marcatori diagnostici. Proprio in questi giorni stiamo svolgendo degli studi sulle famiglie di pazienti per cercare di approfondire la componente genetica ed intervenire in questi casi con una diagnosi precoce dei rischi di sviluppo.”

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy