• Google+
  • Commenta
29 settembre 2006

Intel e l’Università di Santa Barbara insieme per l’ ”alta velocità”

Navigare in Internet e scambiare dati in tempi ridottissimi, a costi contenuti, potrebbe non essere più un sogno irrealizzabile. Intel, in collNavigare in Internet e scambiare dati in tempi ridottissimi, a costi contenuti, potrebbe non essere più un sogno irrealizzabile. Intel, in collaborazione con l’Università di Santa Barbara (UCSB), ha annunciato al mondo il progetto futuristico di costruire computer di nuova generazione in grado di trasferire dati ad alta, anzi altissima velocità, arrivando a picchi di 1 Gigabit al secondo. Tutto questo sarà possibile grazie ad un chip in silicio, ricoperto da una membrana super-tecnologica, composta da uno strato di fosfuro di indio, capace di dare vita ad un numero altissimo di piccolissimi raggi laser, che permetteranno uno scambio di informazioni a velocità molto superiori a quelle attuali. Il chip “ibrido” combinerà le capacità di produrre luce del fosfuro di indio con quelle di guidare la luce del silicio. Le sperimentazioni sono tuttora in corso negli U.S.A., con una spietata concorrenza da parte del Giappone, che mira a conquistare il mercato per primo. L’innovativa tecnologia, per la quale ci sarà da attendere almeno fino al 2010, segnerà una rivoluzione anche nel design dei nuovi computer, permettendo il posizionamento dei chip a minore distanza gli uni dagli altri. Questo garantirebbe infatti di ridurre le dimensioni sia dei grandi calcolatori, che degli ormai diffusissimi personal computer. I computer odierni si basano sullo sfruttamento del moto degli elettroni, una tecnologia obsoleta, che causa un eccessivo surriscaldamento dei componenti e un dispendio di elettricità. I costi sarebbero ridotti notevolmente, e le prestazioni migliorate, se si concretizzasse l’utilizzo dei fotoni al posto degli elettroni. La sperimentazione non ha portato ancora alla realizzazione di un prodotto commerciabile, ma le implicazioni dello sviluppo della fotonica sarebbero numerose e importanti per tutto il settore informatico.

Google+
© Riproduzione Riservata