• Google+
  • Commenta
11 settembre 2006

“La Sapienza” è al primo posto tra le università italiane

L’Academic Ranking of World Univesities è una classifica redatta ogni anno dall’Università Jiao Tong di Shangai e valuta i 5L’Academic Ranking of World Univesities è una classifica redatta ogni anno dall’Università Jiao Tong di Shangai e valuta i 500 atenei migliori nel mondo. I parametri di giudizio utilizzati sono essenzialmente quattro: la qualità della formazione fornita, la qualità del corpo docente, la produttività dei docenti e ricercatori e l’efficienza gestionale. L’università “La Sapienza” di Roma è risultata essere la prima fra quelle italiane, classificandosi al 100simo posto. Il Rettore, professor Renato Guarini, esprime viva soddisfazione per quanto è emerso dalla classifica, “con questo riconoscimento, viene affermata e legittimata la realtà della nostra Università, in particolar modo il coordinamento tra ricerca e didattica. Una sinergia che riusciamo a realizzare nonostante le difficoltà finanziarie e superando la poca attenzione da parte del mondo della politica”. Il Rettore evidenzia come la stessa graduatoria sia basata sostanzialmente su indicatori riconducibili alla ricerca nel campo delle scienze applicate, penalizzando di fatto gli atenei che sono più votati alle materie umanistiche.“A “La Sapienza”, afferma il Rettore, “sono presenti personalità d’eccellenza nell’ambito dell’archeologia, della filosofia e delle lettere antiche. Tutte discipline cui dovrebbe essere dato il giusto peso e la giusta considerazione all’interno delle classifiche internazionali. Mi auguro che si guardi con più sensibilità e impegno nazionale agli atenei che dedicano tante risorse alla ricerca. Con i criteri attuali, invece, le università che sono impegnati nella ricerca risultano penalizzate. Serve la volontà di tutti per essere competitivi sul piano internazionale. Sarebbe anche bello che gli studenti si sentissero orgogliosi di far parte de “La Sapienza” un po’ come si fa il tifo per la squadra di calcio a cui si appartiene.”

Google+
© Riproduzione Riservata