• Google+
  • Commenta
19 settembre 2006

Mondiali Universitari di Golf

Pochi giorni fa si sono conclusi i Mondiali Universitari di Golf Torino 2006. La grande kermesse sportiva universitaria, organizzata dal C
Pochi giorni fa si sono conclusi i Mondiali Universitari di Golf Torino 2006. La grande kermesse sportiva universitaria, organizzata dal CUSI, dal CUS Torino e dal C.O. Universiade Torino 2007 in collaborazione con Università e Politecnico di Torino, Regione Piemonte, Provincia di Torino, Città di Torino e Federgolf, si è svolta al Circolo Golf Torino all’interno del Parco de La Mandria dal 5 al 9 settembre. Sono 18 le nazioni che hanno preso parte all’importante manifestazione, tra cui paesi con grande tradizione come Sudafrica, USA, Cina di Taipei (prima nelle ultime 2 edizioni in campo femminile), Regno Unito, Giappone e Spagna e molte altre. Per quanto riguarda l’individuale femminile, è la statunitense Stacy Lewis la trionfatrice, degli XI Mondiali Universitari di golf. La Lewis, ha chiuso i suoi quattro giri con un totale di 286 colpi ( 72, 71, 71, 72), che l’hanno portata ad uno score finale di meno 2. Seconda, si è classificata la russa Maria Vertchenova, che ha terminato la sua gara a +1, per un totale di 289 colpi ( 75, 73, 73, 68). Sul gradino più basso del podio, la giapponese Erina Hara, con 291 colpi (71, 72, 76, 72). Migliore delle italiane, è stata Vittoria Valvassori, ottava, con 295 (75, 76, 71, 73). Diciassettesima, invece, Claire Grignolo. Gli USA, hanno portato a casa, anche il titolo nella competizione femminile a squadre; il team statunitense ha terminato la sua prova in 579, con due colpi di vantaggio sul Giappone, secondo. Terza la Russia. Nel campo maschile, il campione mondiale universitario 2006 è invece il giapponese Ikeda Yuta, autore del record del campo (64 colpi) al secondo giro che ha terminato le 72 buche a meno 15. Al secondo posto, l’atleta di Taipei Chen-Chin Chiang. Terzo, lo statunitense Aaron Manning. Nella classifica a squadre, campioni del mondo sono gli atleti del Giappone, secondi gli Stati Uniti e terza la Gran Bretagna.

Google+
© Riproduzione Riservata