• Google+
  • Commenta
21 settembre 2006

Un master per entrare nel mondo del teatro

Non poteva non nascere in seno al Dipartimento di Filologia Moderna “Salvatore Battaglia” dell’Università degli studi di Na Non poteva non nascere in seno al Dipartimento di Filologia Moderna “Salvatore Battaglia” dell’Università degli studi di Napoli il master di II livello in Letteratura, scrittura e critica teatrale che da quest’anno va ad aggiungersi alla molteplice offerta formativa post laurea dell’Ateneo. Attivato dalla Facoltà di Lettere e Filosofia, darà la possibilità a 20 laureati del vecchio ordinamento o di laurea specialistica di formarsi come esperti di drammaturgia, curatori di testi scenici, autori e critici teatrali. “Il nostro Dipartimento – commenta il professore Pasquale Sabbatino, docente di Letteratura Teatrale e coordinatore del master – ha alle spalle una lunga tradizione di produzione di studi di critica teatrale sia in ambito italiano che europeo. Non è un caso, dunque, che proprio da qui parta un’occasione di alta formazione professionale che punta su differenti profili professionali. Questo percorso mira a formare, infatti, esperti di letteratura teatrale che possano lavorare nelle televisioni, nei giornali, nell’editoria; docenti di drammaturgia per le scuole; curatori di testi teatrali; esperti di drammaturgia europea capaci di lavorare nell’industria dello spettacolo, ma anche autori di testi teatrali. Questo master – aggiunge il professore – risponde, insomma, a una domanda di alta formazione professionale nei settori della drammaturgia in Europa, della scrittura drammatica, della critica teatrale e del rapporto fra drammaturgia e cinematografia». 1500 ore di didattica frontale, laboratori, studio individuale e attività di stage, per un totale di 60 crediti. Sono questi i numeri del master che vedrà gli allievi confrontarsi con otto differenti moduli: dalla drammaturgia europea, alla lingua in scena, alla critica teatrale, fino all’approfondimento della legislazione dello spettacolo e dell’informatica per le scienze umanistiche e il teatro. A una prima fase di didattica frontale seguirà la possibilità, per gli allievi, di cimentarsi in laboratori che vanno dalla scrittura teatrale alla traduzione di testi teatrali, dalla regia e direzione artistica alla riscrittura contemporanea dei testi del teatro classico. Momento integrante del corso, un periodo di stage presso televisioni, archivi, teatri, giornali, biblioteche e la possibilità di collaborazioni con Enti pubblici e privati, al termine del quale gli studenti dovranno produrre un elaborato finale. Ad avallare l’unicità e la specializzazione di questo percorso di master, la partecipazione di un corpo docenti costituito da professionisti ed esperti del mondo del teatro e da critici, storici, linguisti del teatro e del cinema. Al master – il cui bando sarà pubblicato alla fine di settembre sulla pagina Università del sito dell’Ateneo – possono partecipare laureati italiani e stranieri di qualsiasi percorso di studio. Il master è della durata di un anno e la quota di iscrizione è del valore di 1.000 euro.

Google+
© Riproduzione Riservata