• Google+
  • Commenta
30 settembre 2006

Unicam e Creta: vicinissima lontananza!

E’ stato firmato nei giorni scorsi un importante accordo tra l’Università di Camerino e il Technological Educational Institute (TEI) di Cre

E’ stato firmato nei giorni scorsi un importante accordo tra l’Università di Camerino e il Technological Educational Institute (TEI) di Creta, che prevede una stretta collaborazione tra il Dipartimento di Scienze della Terra di UNICAM e il Department of Natural Resources and Environment, Laboratorio di Geofisica e Sismologia del TEI.

“Si tratta di una risposta concreta – sottolinea la prof.ssa Eleonora Paris, presidente del Corso di laurea in Scienze geologiche di Unicam – alla crescente domanda di internazionalizzazione dei percorsi formativi che viene sia dal nostro Ministero dell’Università e della Ricerca che dalle equivalenti istituzioni greche e che Unicam sta seguendo con particolare attenzione”.

Gli studenti Unicam, sia italiani che greci, iscritti al corso di laurea magistrale in “Rischi e risorse geoambientali – curriculum Risorse e Rischi” avranno così la possibilità di seguire le lezioni o frequentare laboratori per la tesi in entrambe le Università grazie alla collaborazione tra i docenti dei due Atenei. Il titolo di studio sarà rilasciato dall’Università di Camerino.

L’iniziativa favorirà l’iscrizione ad UNICAM da parte di studenti stranieri che avranno così a disposizione un corso di laurea tenuto completamente in lingua inglese e incrementerà la mobilità di docenti e studenti, attraverso il programma ERASMUS, tra università europee.

I docenti incaricati del coordinamento di questo progetto, il prof. Michael Carroll, docente di Rischio vulcanico per UNICAM e il prof. Filippos Vallianatos, docente di Sismologia, per il TEI, stanno già lavorando per ottimizzare programmi dei corsi, attività di laboratorio ed escursioni didattiche.

Fin dal prossimo anno accademico, quindi, docenti e ricercatori saranno coinvolti sia nella didattica che in progetti di ricerca comuni sui rischi geologici, sul monitoraggio e sulla mitigazione degli stessi nell’area mediterranea. Tante problematiche da studiare, tanti ambiti nei quali intervenire con metodi di studio e di ricerca moderni: dai terremoti ai vulcani e alle esondazioni, dall’acqua agli idrocarburi, passando attraverso la stabilità dei versanti e dei siti abitati, nonché l’utilizzo di nuove risorse energetiche.
Un laboratorio naturale a disposizione e una opportunità in più per gli studenti UNICAM di…studiare europeo!
Per informazioni: www.unicam.info

Google+
© Riproduzione Riservata