• Google+
  • Commenta
9 settembre 2006

Università della Musica: 20 borse di studio

Per l’anno accademico 2006/07, l’Università della Musica mette a disposizione 20 borse di studio da 1.000 Euro l’una, per tutte le sue facoltà, che spPer l’anno accademico 2006/07, l’Università della Musica mette a disposizione 20 borse di studio da 1.000 Euro l’una, per tutte le sue facoltà, che spaziano dalle Facoltà di Chitarra a quella di Musicoterapia (autorizzata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e valida per l’aggiornamento dei docenti), dalla richiestissima Facoltà di DJ, fino ad oggi ancora unica in Italia, fino alla Facoltà DAT (Digital Audio Technology).
I giorni stabiliti per provare ad accedere all’Ateneo con l’incoraggiante supporto di una di queste borse di studio, sono l’11 il 12 ed il 13 settembre prossimo venturo; è pertanto necessaria una buona dose di tempestività, per tutti coloro i quali sentono di possedere una particolare inclinazione, se non addirittura una vera e propria passione per il pentagramma.
Per partecipare alle audizioni, il cui accesso è del tutto gratuito, è naturalmente obbligatorio prenotarsi, contattando la Segreteria dell’Università, che assegnerà l’orario dell’audizione in base alla data e all’ora della prenotazione.
Il link per raggiungere la scheda di prenotazione, da compilare on line, è il seguente:
http://universitadellamusica.it/audizione_borse.html
Per dare invece un’occhiata ai molteplici corsi di studio proposti o ai metodi di insegnamento adottati dai docenti, piuttosto che alle interessantissime possibilità di frequenza (la cosiddetta “VLD” ovvero la “Very Long Distance” permette di frequentare appena una volta al mese, tutto in un weekend sabato/domenica) è consigliabile navigare tra le pagine del sito web dell’Università della Musica il cui indirizzo è http://universitadellamusica.it
L’Università della Musica, nata all’inizio degli anni 90 da un’idea di Fabio Mariani, pur essendo un’organizzazione relativamente giovane, è divenuta nel tempo una realtà davvero appetibile per quanti intendono proiettare il proprio futuro nel mondo della musica, e non soltanto come musicisti, ma anche come DJ, produttori o insegnanti.
Una scelta ovviamente impegnativa e non priva di rischi, visto il trend del mercato musicale nostrano e mondiale; ma anche un’opportunità imperdibile per quanti desiderano diventare grandi ed entrare nel mondo del lavoro, senza per questo rinunciare alla proprie passioni.

Google+
© Riproduzione Riservata