• Google+
  • Commenta
2 ottobre 2006

La Sapienza: “Il futuro è passato qui”

È il cherubino stilizzato del Borromini, dalla forma ovale e dai colori oro e porpora, a rappresentare ora la prima università romana. SÈ il cherubino stilizzato del Borromini, dalla forma ovale e dai colori oro e porpora, a rappresentare ora la prima università romana. Simbolo della pienezza del sapere, la nuova icona della Sapienza, è il risultato di un progetto di rinnovamento e riposizionamento della Sapienza nella nuova società della conoscenza. La nuova identità visiva è stata progettata dall’agenzia Inarea ed ha come scopo principale quello di unificare sotto una stessa icona, una realtà cosi molteplice e variegata come quella dell’ Ateneo romano. “I nostri studenti non possono vivere la vita universitaria senza il senso di appartenenza a una comunità che ha come compito l’accrescimento e la diffusione del sapere, e alla quale gli studenti partecipano in via prioritaria insieme ai docenti e al personale tecnico-amministrativo. Il senso di questa appartenenza non può sostanziarsi se non c’è una forma adeguata che gli dia visibilità e lo sostenga”. Queste le parole del rettore Renato Guarini, che ha inoltre definito il progetto una vera e propria “operazione culturale”. Dunque alla base di questo intervento non vi è soltanto un’esigenza di restiling visivo, ma una vera e propria necessità di ridefinire un ruolo. Il ruolo che la Sapienza ha in ambito internazionale, dato anche l’ingente numero di ricercatori italiani che operano all’estero, ed il profondo legame con la città di Roma. Il cherubino infatti si fa simbolo del sapere e simbolo della Capitale ispirandosi alla decorazione della cupola di Sant’Ivo alla Sapienza, antica sede romana dell’Ateneo. Tradizione e innovazione, molteplicità e profondo senso di appartenenza, passato e futuro: è dunque su questi doppi binari che uno dei più prestigiosi atenei a livello mondiale, ha deciso ridefinire il proprio orizzonte con un’immagine che duri per i prossimi 700 anni.

Google+
© Riproduzione Riservata