• Google+
  • Commenta
11 ottobre 2006

Nasce a Verona l’Osservatorio Nazionale sulla violenza domestica

Venerdì 13 ottobre a Verona nella sede del Rettorato dell’Università verrà presentato l’Osservatorio Nazionale sulla Venerdì 13 ottobre a Verona nella sede del Rettorato dell’Università verrà presentato l’Osservatorio Nazionale sulla violenza domestica alla presenza del ministro della Salute Livia Turco. A Verona sono circa mille i casi documentati di violenza domestica nei primi sei mesi del 2006, circa 6 al giorno. Oltre il 70% delle violenze sono a carico delle donne e l’emerso rappresenta soltanto il 20% del totale. Nello stesso periodo sono morte a Verona 7 persone tra le mura domestiche, tutte di nazionalità italiana; 2 sono stati i tentati omicidi. La responsabile dell’Onvd Marina Bacciconi lavora da oltre 4 anni ad un capillare monitoraggio del fenomeno violenza domestica sul territorio veronese. I dati emersi dal “laboratorio scaligero” hanno fatto scoprire quella che anche a livello nazionale è solo la punta di un iceberg al di sotto della quale l’estensione del fenomeno è enorme. Di qui la decisione, formalizzata in un accordo tra l’Università degli Studi di Verona e l’Osservatorio Epidemiologico Nazionale sugli ambienti di vita dell’Ispesl, di istituire l’Osservatorio Nazionale sulla violenza domestica (ONVD), per monitorare costantemente il fenomeno. Alla presentazione di venerdì 13 ottobre saranno presenti il Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Verona Alessandro Mazzucco, il procuratore della Repubblica di Verona Guido Papalia, il presidente dell’Ispesl Antonio Moccaldi, l’assessore regionale alle Politiche sanitarie del Veneto, Flavio Tosi, la responsabile dell’Osservatorio nazionale sulla violenza domestica, Marina Bacciconi.

Google+
© Riproduzione Riservata