• Google+
  • Commenta
14 ottobre 2006

Parthenope: l’offerta formativa della facoltà di economia

E’ stata la prima Facoltà ad essere istituita dall’Ateneo, vanta il maggior numero di corsi di laurea (7) ed il maggior numero d’iscritti (ol
E’ stata la prima Facoltà ad essere istituita dall’Ateneo, vanta il maggior numero di corsi di laurea (7) ed il maggior numero d’iscritti (oltre 10000). Stiamo parlando della Facoltà di Economia dell’Università degli Studi di Napoli Parthenope, un vero e proprio fiore all’occhiello per quello che è considerato il secondo Ateneo partenopeo.
La Presidenza della Facoltà è collocata nella sede centrale di via Acton, ma le attività didattiche sono svolte in tutte le strutture dell’Università presenti sul territorio di Napoli (via Acton, via Medina, piazza Municipio, via De Gasperi e Villa Doria d’Angri).
Per un neo diplomato desideroso d’iscriversi in questa facoltà, l’offerta formativa a sua disposizione è delle più vaste e varie. Accanto ai corsi di laurea tradizionali in Economia Aziendale ed Economia e Commercio, abbiamo quelli in Statistica e Informatica per la gestione delle imprese, Amministrazione e Controllo, Logistica e Trasporti e, per finire, quelli in Management delle Imprese Turistiche e delle Imprese Internazionali.
Da sottolineare inoltre che nell’ambito del corso di laurea in Economia Aziendale – percorso in economia e gestione delle piccole e medie imprese – , da quest’anno la Facoltà ha attivato un indirizzo sperimentale a numero chiuso in “Business Management”. Un indirizzo che offre agli studenti un percorso differenziato, ancor più orientato a omogeneizzare il percorso seguito dai laureandi di questa Facoltà con quelli che, nello stesso ambito disciplinare, vengono organizzati nelle altre Università europee. La differenziazione riguarda le modalità con cui gli studenti sono chiamati ad apprendere e prevede il coinvolgimento sistematico di testimonianze aziendali, docenti non italiani e l’uso amplificato delle tecnologie informatiche. I corsi saranno tenuti in lingua italiana o inglese, a secondo dell’obiettivo formativo e del contenuto degli stessi, da docenti dell’Ateneo o di altri Atenei consorziati, al fine di favorire la maggiore apertura internazionale di questo corso di laurea. Gli iscritti potranno essere massimo 80, e verranno selezionati in base alle loro conoscenze informatica e d’inglese. Agli studenti sarà garantito un tutor d’aula che supporterà le attività organizzative e didattiche del corso, consistenti anche in tirocini, della durata minima di tre mesi, presso aziende e/o organizzazioni pubbliche e private.

Google+
© Riproduzione Riservata