• Google+
  • Commenta
10 ottobre 2006

Piemonte Orientale: a Convegno con il Gran Cancelliere

L’Università degli Studi del Piemonte Orientale “A.Avogadro” in collaborazione con l’Ufficio Culturale dell’Ambasciata di Spagna in Italia e
L’Università degli Studi del Piemonte Orientale “A.Avogadro” in collaborazione con l’Ufficio Culturale dell’Ambasciata di Spagna in Italia e con l’Associazione Culturale Italia-Spagna (ACIS) organizza un convegno internazionale sul tema “Mercurino, Carlo V e l’Impero”, i cui lavori si svolgeranno in due giorni, il 15 ottobre presso il Palazzo Arborio di Gattinara ed il 16 ottobre nell’aula magna della Facoltà di Lettere e Filosofia di Vercelli (ex- cripta di S.Andrea).
L’incontro di studio, pensato ed organizzato dal Prof. José Manuel Martín Morán, docente di Letteratura spagnola presso la Facoltà di Lettere e Filosofia di Vercelli, vuole raccontare l’importanza storica del cardinale Mercurino Arborio di Gattinara, Gran Cancelliere dell’Imperatore Carlo V, ma anche giurista, amministratore e intellettuale dai molteplici interessi. Oltre ad essere un personaggio chiave nell’ambito della burocrazia dell’impero asburgico, Mercurino contribuì alla diffusione del pensiero umanistico in Europa, negli anni del delicato passaggio tra Medioevo e Rinascimento.
La prima giornata inizierà con il saluto del Sindaco di Gattinara dott. Carlo Riva Vercellotti, dell’Ambasciatore di Spagna Sua Eccellenza Signor Jose Luis Dicenta e il Presidente dell’Associazione Culturale di Gattinara “Cardinal Mercurino” Luisa Cerri. Seguiranno gli interventi del prof. Luis Miguel Enciso della Reale Accademia della Storia, che spiegherà i rapporti tra la città di Gattinara e la politica imperiale di Carlo V e della dott.ssa Fulvia Mozzone, che parlerà del ruolo del cardinal Mercurio, vissuto a cavallo tra il XV e il XVI secolo, in un periodo di transizione storica ricco di cambiamenti.
Il giorno dopo trasferimento a Vercelli. Dopo le ufficialità da parte del Rettore dell’Università del Piemonte Orientale prof. Paolo Garbarino, parleranno il prof. Luis Ribot, docente di Storia Moderna dell’Università Nazionale di Educazione a Distanza (UNED) di Madrid, il prof. Claudio Rosso, docente di Storia Moderna dell’Università degli Studi del Piemonte Orientale “A.Avogadro”, il prof. Carlos Hernando, professore di Storia Moderna dell’Università di Valladolid, la dott.ssa Mafalda di Gennaro, dottoranda dell’Università di Trento e il prof. Corrado Malandrino, preside della Facoltà di Scienze Politiche dell’Università del Piemonte Orientale e docente di Storia delle dottrine politiche presso la Cattedra Jean Monnet di Storia dell’integrazione Europea.
Tra gli argomenti in programma la dominazione spagnola nel Mediterraneo dei secoli XVI e XVII, il fondamentale apporto di Mercurino agli studi umanistici e classici, la sua idea di Europa, l’idea imperiale in Italia nel XVI secolo.
Un appuntamento che rappresenta una chicca da intenditore, per chi ama le figure carismatiche del passato che non sempre trovano ampia menzione nei libri di storia, ma la cui azione risulta essere stata determinante per la sua epoca. Pare scontato dire che dietro le quinte di una grande corte si muove sempre un grande pensatore dalla poliedrica ed eclettica cultura, eppure è stato così anche per il regno di Carlo V, sul cui impero, chi se lo scorda più, non tramontava mai il sole.

Google+
© Riproduzione Riservata