• Google+
  • Commenta
4 ottobre 2006

Primo doppio titolo con un’università belga per un ingegnere LIUC

Primo doppio titolo con un’università belga alla LIUC. A conseguirlo Matteo Giacomozzi, studente della Facoltà di Ingegneria che hPrimo doppio titolo con un’università belga alla LIUC. A conseguirlo Matteo Giacomozzi, studente della Facoltà di Ingegneria che ha concluso l’iter di studi ottenendo la Laurea italiana in Ingegneria Gestionale alla LIUC lunedì 2 ottobre.
Matteo Giacomozzi, dopo aver seguito il suo terzo anno presso la KATHO, Katholieke Hogeschool Zuid-West-Vlaanderen, Kortrijk, Belgio con il progetto di mobilità Socrates/Erasmus nell’anno accademico 2005/2006, grazie ad un accordo di doppio titolo ha conseguito contestualmente anche il titolo belga rilasciato dall’Università di Katho.
Ma non è l’unico ad aver affrontato un percorso formativo di questo tipo. Lo stesso giorno alla LIUC si è laureato in Ingegneria Gestionale Federico Fusetti che dopo aver seguito, all’interno del progetto di mobilità Socrates/Erasmus nell’anno accademico 2004/2005, l’intero terzo anno presso la University of Kent, Regno Unito ha ottenuto il “Diploma in Management Science” rilasciato dalla Università inglese.
Prima di Matteo e Federico altri due studenti della LIUC, oggi dottori in Ingegneria Gestionale, hanno ottenuto anche il titolo estero presso la Jönköping School of Engineering, Svezia con cui la LIUC ha siglato un accordo di doppio titolo.
L’accordo per il doppio titolo permette ad uno studente di seguire un percorso di studi concordato e di ottenere il titolo della propria Università di origine insieme al titolo dell’Università che lo ospita per almeno un anno.
La LIUC ha sottoscritto accordi di questo tipo con Università straniere in Belgio, Germania, Inghilterra, Scozia e Svezia. Si stanno perfezionando altri accordi anche per la Laurea Magistrale con Università estere in Argentina, Australia, Canada, Francia, Romania, Scozia e Stati Uniti.
Le attività internazionali della LIUC non si limitano ai soli accordi di doppio titolo. Il fitto programma di mobilità studentesca, con 86 accordi in 31 Paesi nel mondo, coinvolge un terzo degli studenti che possono trascorrere periodi di studio in paesi anche molto lontani, quali ad esempio Stati Uniti, Cina, Singapore, Messico, Thailandia, Giappone, Australia, India, Cile e Argentina.

Google+
© Riproduzione Riservata