• Google+
  • Commenta
5 ottobre 2006

Unicam: l’attività sportiva come strumento di prevenzione all’obesità

“L’attività sportiva nell’approccio ad un equilibrio psico-fisico” è il titolo del convegno organizzato dal Dottorato di ricerca

“L’attività sportiva nell’approccio ad un equilibrio psico-fisico” è il titolo del convegno organizzato dal Dottorato di ricerca in “Invecchiamento e Nutrizione” dell’Università di Camerino in collaborazione con il Centro Universitario Sportivo, che si terrà il prossimo 10 ottobre in occasione dell’Obesity Day, iniziativa promossa in tutta Italia dall’Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica (ADI).

Dopo il saluto del Rettore Unicam, prof. Fulvio Esposito, e della prof.ssa Cristina Miceli, Direttore della Scuola Internazionale di Dottorato, i lavori saranno aperti dal Prof. Giancarlo Falcioni, Coordinatore del Dottorato in “Invecchiamento e Nutrizione” di Unicam.

“A seguito di una alimentazione troppo ricca di grassi e di zuccheri e di una attività fisica ridotta – sottolinea il prof. Falcioni – l’ago della bilancia in Italia tende all’impennata per almeno un adulto su tre. In drammatica crescita inoltre è anche l’obesità infantile”.
“La fotografia dell’Italia extralarge – prosegue il prof. Falcioni – è preoccupante perché il sovrappeso e l’obesità rappresentano i principali fattori di rischio per la salute e possono determinare ipertensione, diabete, malattie cardiocircolatorie”.
E proprio per questo infatti che il Piano Nazionale della Prevenzione, previsto dall’intesa Stato-Regione del 23 marzo 2005, ha individuato la prevenzione dell’obesità come un obiettivo di salute che deve essere perseguito orientando le principali politiche a livello nazionale, regionale e locale, verso la creazione di ambienti che incoraggiano l’attività fisica.

Ne discuteranno nell’Aula Magna del Polo didattico di Biologia di Camerino a partire dalle ore 15:30, docenti ed esperti degli Atenei di Camerino, Urbino, Parma, Chieti e Ancona.

Google+
© Riproduzione Riservata