• Google+
  • Commenta
7 giugno 2011

Il “mito del dato” e il rapporto mente-mondo

Il 9 e 10 giugno si terrà a Genova, nell’aula magna della Facoltà di Lettere e Filosofia un convegno inusuale relativo al rapporto tra filosofia e alcuni settori di analisi statistica. In particolare si analizzerà il concetto di “dato” nelle sue diverse forme di applicazione in ambito naturalistico e filosofico-sociale.

Numerosi relatori proveniente da diversi atenei d’Italia (Roma, Genova, Firenze, Messina, Siena) cercheranno di delineare un complesso percorso che va dalla definizione delle ragioni del”mito del dato” fino al concetto della coscienza naturalizzabile.

L’evento è parte integrante del PRIN 2007 “Credenza, giustificazione e natura. Problemi, prospettive e applicazioni del naturalismo filosofico contemporaneo” (coordinato localmente da Michele Marsonet) che fa parte del progetto nazionale “Filosofia e naturalizzazione del mentale. Nuove prospettive sulla conoscenza e la natura umana”.

Particolarmente indicato per studenti di ambito umanistico-filosofico, il convegno è un occasione di riflessione inusuale che vuole offrire una valida possibilità di approfondimento a chiunque voglia avere un punto divista determinista sulla filosofia della vita e su cosa è “Dato sapere di noi stessi”.

Per ulteriori informazioni:Università di Genova.

Nicola Baccelliere

Google+
© Riproduzione Riservata