• Google+
  • Commenta
20 giugno 2011

Servizi regionali alla prima infanzia

Convegno e tavola rotonda sui risultati dello studio condotto dal Centro interdipartimentale di ricerca sul welfareConvegno e tavola rotonda sui risultati dello studio condotto dal Centro interdipartimentale di ricerca sul welfare

Udine, 20 giugno 2011 – “Analisi economica del sistema regionale di offerta dei servizi alla prima infanzia 2010” è il tema del convegno che si terrà mercoledì 22 giugno alle 9.30 nell’aula 2 del polo economico-giuridico dell’Università di Udine in via Tomadini 30/A, organizzato dal Centro interdipartimentale di ricerca sul welfare (Ciwe) dell’Ateneo friulano.

Saranno presentati i risultati di uno studio realizzato dal Ciwe sui servizi per la prima infanzia in regione, confrontando costi di gestione dei nidi a gestione pubblica e a gestione privata, con l’obiettivo di mettere in luce opportunità e limiti di entrambe le tipologie. La ricerca è stata realizzata dal Ciwe sulla base dei dati raccolti dall’Area welfare dell’Ass 5 “Bassa Friulana”, per conto del Servizio politiche per la famiglia e sviluppo dei servizi socio-educativi della Regione Friuli Venezia Giulia. Concluderà i lavori l’assessore regionale all’Istruzione, università e ricerca Roberto Molinaro.

«Ponendo a confronto le diverse tipologie di gestione del servizio nel campo della prima infanzia – spiega Antonio Massarutto, docente di Economia pubblica e referente della ricerca per il Ciwe – si è voluto approfondire le dinamiche economiche, con particolare riguardo ai costi di gestione delle strutture operanti nel settore, al fine di cogliere gli aspetti specifici caratterizzanti l’offerta di questi servizi». Una maggior consapevolezza della struttura economica legata ai servizi di welfare per i bambini 0-3 anni «è infatti in grado di dare indicazioni utili ad uno sviluppo coerente, armonico ed efficiente del sistema, migliorando il benessere sociale generale».

Il convegno sarà introdotto da Stefano Miani, direttore del Ciwe. Seguiranno gli interventi di Antonio Massarutto e Paolo Rasi dell’università di Udine, referenti per la ricerca del Ciwe, e Roberta Sartor, direttore del Servizio politiche per la famiglia e sviluppo dei servizi socio-educativi della Regione Friuli Venezia Giulia (Analisi del sistema regionale di offerta dei servizi alla prima infanzia: contesto di riferimento e dati della ricerca); Eugenio Bizzotto, direttore dell’Ufficio famiglia, donna e gioventù della Provincia autonoma di Bolzano (Il servizio Tagesmutter: da modello sperimentale a servizio consolidato nella rete degli interventi socioeducativi per la prima infanzia. L’esperienza dell’Alto Adige); Aldo Fortunati, direttore dell’Area documentazione, ricerca e formazione dell’Istituto degli innocenti di Firenze (Qualità e sviluppo sostenibile del sistema integrato dei servizi educativi per la prima infanzia – dati, problemi e prospettive).

Alle 11.45 si terrà la tavola rotonda “Esperienze e contesti differenti generano opportunità e soluzioni in comune per lo sviluppo del sistema economico dei servizi alla prima infanzia”, moderata da Antonio Massarutto del Ciwe. Interverranno, oltre ai relatori del convegno, Michela Sclausero, presidente del Movimento Donne Impresa di Confartigianato Udine, Mario Pezzetta, sindaco di Tavagnacco e rappresentante Anci e Federsanità Anci Fvg, Paolo Stefanini, direttore Associazione Domus di Trento, i rappresentanti delle cooperative sociali regionali.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy