• Google+
  • Commenta
6 ottobre 2011

Il servizio disabili dell’Insubria : una realtà virtuosa e all’avanguardia

In una situazione drammatica in cui spesso i diritti dei meno fortunati, come i disabili, ad esempio , vengono calpestati, si scopre con sorprese, esplorando le realtà del nostro paese che per fortuna c’è chi si prende cura mostrando sensibilità delle esigenze dei più deboli.

E’ il caso dell’Università dell’Insubria, di Como e Varese, la quale può vantare un servizio rivolto ai diversamente abili all’avanguardia nel paese. È l’unica struttura universitaria, infatti, che fornisce mezzi di trasporto, pagati dall’ateneo che giungono a domicilio di chi ha bisogno di assistenza ed utilizzati ,per consentire a chi ne usufruisce, di recarsi a seguire corsi, partecipare alle lezioni, essere insomma parte integrante del tessuto universitario e non sentirsi messi ai margini.

Oltre a questo importante servizi,o tra le attività di punta spiccano il servizio di counselling per i ragazzi con disturbi dell’apprendimento (curato dalla Cattedra di Psicologia Clinica della Facoltà di Medicina e Chirurgia) . I ragazzi disagiati possono contare anche sull’esenzione dalle tasse (per coloro che hanno un’invalidità superiore al 66%), sulla possibilità di ottenere dei contributi per partecipare ai progetti Socrates/Erasmus, sul tutorato specializzato,sull’acquisto e prestito di sussidi informatici, sulla possibilità di utilizzare postazioni informatiche attrezzate.

“L’Università dell’Insubria ha investito risorse economiche ingenti nel servizio disabili – spiega Francesca Zappa del Servizio Studenti Disabili –. La forza complessiva del servizio -continua la responsabile dei servizi- sta nella strategia di lavoro con il coinvolgimento di tutto l’Ateneo: ovvero, non semplicemente servizi per i disabili bensì costruzione di un Ateneo accessibile a tutti e quindi anche ai disabili”. A godere di tali risorse, per l’anno accademico 2001/20012, saranno 90 studenti con disabilità varie, di questi 73 avranno diritto all’esonero delle tasse universitarie.

Per sensibilizzare le altre strutture, il Servizio Disabili dell’ateneo comasco-varesotto, racconterà la propria esperienza agli atenei lombardi, che si riuniranno il 7 ottobre prossimo, nei locali dell’Università Bicocca di Milano, in occasione della giornata di presentazione del Cald (il “Coordinamento degli Atenei Lombardi per la Disabilità”).

Nella giornata, il rettore dell’Insubria, Renzo Dionigi, stipulerà una convenzione con i vertici lombardi delle università, che punta a promuovere ulteriori iniziative in favore dei disabili, inoltre verranno illustrate le politiche attuate dagli enti universitari in favore dell’inclusione sociale e lavorativa dei diversamente abili.

Vincenzo Amone

Google+
© Riproduzione Riservata