• Google+
  • Commenta
15 novembre 2011

Database, corpora e insegnamenti linguistici: se ne parla all’Unisa

E’ tutto pronto per il II convegno internazionale del CLA realizzato con il patrocinio del Dipartimento di Scienze Politiche, Sociali e della Comunicazione, Ambassade de France, Association des Science du Langage, Cours de Civilisation Française del la Sorbonne, Délégation générale à la langue française et aux langues de France, Université PARIS NORD 13, British Council, Goethe-Institut, Instituto Cervantes, Associazione Culturale Italo-Tedesca, Alliance Française.

L’appuntamento, previsto per giovedì prossimo, 17 novembre alle 9.30, presso l’Aula Nicola Cilento alzerà il sipario su quello che fino a sabato prossimo, 19 novembre, sarà un vero e proprio confronto con i numerosi studiosi presenti e provenienti da ogni parte dell’Europa su un tema che in questi anni sta diventando sempre più imponente nella linguistica, nella psicologia, nell’informatica e nella didattica grazie ai nuovi studi in merito alla linguistica informatica, linguistica computazionale, traduzione automatica, statistica linguistica che più semplicemente interessano l’analisi e l’elaborazione del linguaggio assistito da calcolatore.

La kermesse vedrà la partecipazione di studiosi internazionali del calibro di Max Silberztein, Annibale Elia, Giovanni Dotoli, Antonella d’Amelia, Gisella Maiello, Segio Poli, Renata Savy, Massimo Vedovelli, Éric Jacobée- Sivry, Miriam Voghera,Linda Barone, Mariagrazia De Meo, Giustino De Bueriis, Silvia Palermo, Simonetta Vietri, Rosario Pellegrino, Immaculada Solís García,Roberta Facchinetti, Mario Monteleone, che partendo dalle loro discipline di riferimento (che sia linguistica, psicologia, informatica o altro) spiegheranno come per la linguistica informatizzata si sia già formata una sicura tradizione di riflessioni teoriche e di applicazioni pratiche possibili grazie al territorio d’intervento che, come spiegato in precedenza, si è esteso ampiamente e si sono moltiplicate le iniziative e le proposte di programmi specifici, rivolti soprattutto agli spogli lessicali, con l’obiettivo di arricchire banche dati e redigere molteplici liste di occorrenza.

La diffusione di testi antichi e moderni, la costituzione di banche dati, l’accesso a una quantità infinita di risorse, la creazione di ipertesti didattici utilizzabili on-line –si apprende dall’invito presente sul sito dell’ateneo salernitano- saranno i principali temi affrontati. Si prenderanno in esame nuove forme di scrittura o di comunicazione in grado di fornire concrete opportunità per l’attuazione di una didattica linguistica innovativa ed efficace che integri la complessità di rappresentazioni delle informazioni con un’essenziale semplicità di utilizzo. Né verrà trascurata la riflessione sulla ricerca scientifica e sulle necessarie considerazioni critiche nel campo della linguistica, della filologia, dell’analisi dei testi e delle nuove modalità di fruizione dei servizi di formazione linguistica”.

Dora Della Sala

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy