• Google+
  • Commenta
6 ottobre 2012

Studenti in piazza per criticare le decisioni del Governo del ddl Profumo

Studenti in piazza
Studenti in piazza

Studenti in piazza

Studenti in piazza per criticare le decisioni del Governo del ddl Profumo.

Ieri in gran parte dell’Italia è iniziata la stagione degli scioperi studenteschi, mischiatisi ai tanti scioperi di operai e lavoratori che da tempo vedono il baratro sempre più vicino.

Dal nord al sud, passando dal centro, migliaia di giovani sono scesi nelle piazze delle proprie città universitarie e non. Agguerriti più che mai per criticare le decisioni del ddl Profumo, una riforma che prevede modifiche al sistema di istruzione e si propone di insistere sulla questione controversa del merito.

A Palermo, per esempio, 5000 studenti sono scesi in strada mandando in tilt la città, con striscioni che recitavano più o meno tutti lo stesso messaggio: “contro crisi e austerità, riprendiamoci scuole e città”.

Una rabbia giustificata per un Paese che ha messo alle corde i propri giovani sempre più senza un futuro e con un presente dai contorni tragici. Lo dicono anche le statistiche: minor numero di laureati d’Europa e il più alto tasso di laureati disoccupati.

Politiche sbagliate che si trascinano da anni e che hanno portato ad una rabbia quasi cieca contro un Governo (quello attuale), definito tecnocrate, e ritenuto il maggiore e solo responsabile di una situazione davvero insostenibile, capace secondo molti solo di strozzare i cittadini pur di risolvere il problema bilancio. Un fondo di verità che si scontra però con delle inesattezze. E qui si mostra tutta la confusione di un Paese disorientato e narcotizzato da anni e anni di malgoverni (a prescindere dai colori e dagli ideali). Tonfi uno dopo l’altro, che ormai non sono più neanche rumorosi.

Nelle strade si respira aria pesante di situazioni che in Paesi progrediti non dovrebbero vedersi e invece si vedono da troppo tempo e con toni sempre più cupi. Monti, ultima ruota del carro, comandante di un governo di non politici e politicanti in mezzo a vecchi lupi navigati, che osservano e limitano ogni movimento che non sia quello strettamente legato al compito che il bravo Monti deve svolgere, prima di lasciare nuovamente spazio ai veri protagonisti..L’autunno è appena iniziato.

Google+
© Riproduzione Riservata