• Google+
  • Commenta
16 febbraio 2013

Calendario esame terza media 2013, come superare l’esame terza media

Calendario esame terza media 2013
Calendario esame terza media 2013

Calendario esame terza media 2013

Novità sul calendario esame terza media 2013.

Ecco cosa sapere e come prepararsi al meglio. Consigli utili.

Il primo grande scoglio nella vita da studente è l’Esame Terza Media un momento tanto ansioso quanto indimenticabile

La prima volta di un faccia a faccia con paure e ansie di non potercela fare, i complessi zampillanti di essere all’altezza di dimostrare quello che si vale veramente e quello che si è studiato durante un percorso notevolmente importante.

Cosa fare per poter superare brillantemente l’Esame Terza Media?

Per essere ammessi all’Esame Terza Media, lo studente deve inevitabilmente essere sufficiente a tutte le materie, compresa la condotta.

Altrimenti si va incontro alla bocciatura, dopodiché lo studente avrà bisogno di ripetere l’anno, con la possibilità di migliorare la sua preparazione.

La prima tappa da superare per Esame Terza Media, sono gli esami scritti, che contano ben cinque prove: matematica, italiano, la seconda lingue e la prova nazionale INVALSI (Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e Formazione) che quest’anno si svolgerà lunedi 17 giugno 2013 con inizio alle ore 8.30; in prima e seconda sessione suppletiva potrà essere espletata il giorno 25 giugno 2013 e il giorno 2 settembre 2013, con inizio alle ore 8.30.

Calendario esame terza media dal test invalsi alle prove d’esame: consigli

La prova INVALSI è una prova indetta dalla legge n. 176 del 25 ottobre 2007 e riguarderà le due materie italiano e matematica. L’esame è fissato in tutta Italia nello stesso giorno ed è obbligatorio per tutti gli studenti ammessi a sostenere gli esami. Lo scopo di questa verifica è quello di valutare il livello di apprendimento raggiunto dagli studenti durante il primo ciclo di istruzione.

Calendario esame terza media è prova di italiano, costituita da due parti A e B, la prima ha lo scopo di valutare la capacità di comprensione e la seconda, attraverso 10 domande, è finalizzata a verificare la conoscenza delle strutture grammaticali. In entrambi ci sono domande a risposta multipla e domande a risposta aperta breve.

Allo stesso modo è strutturata la prova di matematica, il cui contenuto delle domande sono inerenti al programma ministeriale dell’ultimo anno scolastico. Lo studente avrà a disposizione 2 ore e 30 minuti di tempo. Ogni risposta giusta riceverà 1 o 2 punti, in base al tipo di domanda.

Non è permesso portare con sé né la calcolatrice e né il vocabolario; ovviamente non sarà possibile chiedere agli insegnanti un aiuto, potranno solo chiarire dubbi sulla modalità della risposta e non  sul contenuto.

Ritornando al principale esame scritto terza media, non dimentichiamoci che tra gli altri scritti c’è anche la materia in elementi di scienze e tecnologie. In italiano gli argomenti di attualità vanno per la maggiore, ma sono alte le possibilità che venga chiesto di svolgere una relazione su un argomento studiato, una lettera o una pagina di diario su sé stessi o sulle ambizioni future. Si hanno a disposizione 4 ore per poter stilare un tema consono a quel che si richiede.

Calendario esame terza media e consigli per come prepararsi

In che modo stilare un tema? Organizzando in maniera ottimale il tempo a disposizione.

  • Leggere più di una volta le tracce proposte e di conseguenza individuare le parole chiavi, da lì
  • Elaborare delle idee. Sarebbe bene preparare una scaletta, di modo da non uscire fuori tema e seguire un proprio filo logico. Il segreto per poter scrivere un tema chiaro è  sostanzialmente di fare attenzione mentre si scrive alla punteggiatura, all’ortografia, alla sintassi, utilizzando una terminologia appropriata.
  • Bisogna lasciarsi un considerevole arco di tempo per poter rileggere attentamente, almeno tre vole, ciò che si è scritto, prima di consegnare il lavoro.

Dal 2011 nell’Esame Terza Media è obbligatorio un esame scritto anche per la seconda lingua comunitaria. Per esercitarsi è efficace sentire radio o programmi televisivi in lingua, che ormai sono rintracciabili sia online che con il digitale terrestre e Tv satellitari.

Una vota superati gli scritti, si arriva finalmente all’incontro più “critico”: il colloquio pluridisciplinare. Innanzitutto per evitare che si arrivi all’orale stanchi e stremati, è ideale studiare passo per passo, di modo da non tramutare un esame in un evento estenuante.

E’ possibile approfondire gli argomenti in particolare, realizzando una tesina. La tesina verrà esposta alla commissione, spiegando il motivo per cui si è scelti un tale argomento. La tesina è un elaborato di approfondimento su un tema specifico, partendo da questo tema è bene trovare i vari collegamenti ad argomenti studiati nelle diverse discipline. A questo proposito, è consigliabile scegliere temi che interessino realmente, in questo modo non solo sarà più piacevole studiare, ma sarà anche più facile ricordare ciò che si dovrà ripetere durante l’esame.

Durante il colloquio dell’esame Terza Media è, inoltre, rilevante fare attenzione ad un linguaggio chiaro. E’ efficace ai fini della discussione prepararsi una scaletta che contenga i punti principali dell’argomento, evitando di perdere il filo del discorso o rimanere impacciati. Questo non vuol dire che sia lecito imparare a memoria, perché di contro ciò potrebbe essere deleterio, dimostrando di non essere capaci al ragionamento e di non riuscire mettere in relazione i vari argomenti.

Per quanto riguarda la valutazione finale Esame Terza Media, quest’anno il voto subirà una media matematica espressa in decimi, di tutte le prove e del voto di ammissione. Se in passato era più probabile uscire con “Ottimo”, ovvero con il massimo dei voti, oggi sarà quasi impossibile prendere un 10. I geni che vi riuscissero, potrebbero ottenere anche la “lode” per mano della commissione esaminatrice unanimamente d’accordo. Senza considerare che il vostro voto a prescindere dalla vostra preparazione potrebbe cambiare se vi trovate al nord al centro o al sud.

Google+
© Riproduzione Riservata