• Quaglia
  • Boschetti
  • Paleari
  • Algeri
  • Ferrante
  • Napolitani
  • De Leo
  • Chelini
  • Pasquino
  • Bruzzone
  • Scorza
  • Valorzi
  • Mazzone
  • Crepet
  • di Geso
  • Falco
  • Coniglio
  • Rinaldi
  • Dalia
  • Leone
  • Romano
  • Quarta
  • De Luca
  • Ward
  • Gelisio
  • Catizone
  • Liguori
  • Tassone
  • Califano
  • de Durante
  • Cacciatore
  • Bonanni
  • Cocchi
  • Gnudi
  • Antonucci
  • Buzzatti
  • Miraglia
  • Romano
  • Meoli
  • Santaniello
  • Grassotti
  • Alemanno
  • Andreotti
  • Bonetti
  • Carfagna
  • Baietti
  • Rossetto
  • Barnaba
  • Casciello

Diventare Capotreno: come fare, età, formazione, corsi e stipendio

Dennisa Elena Gorea 3 Marzo 2021
D. E. G.
06/12/2021

Come diventare capotreno: cosa fare, età, formazione ed istruzione, corsi, mansioni specifiche e stipendio.



Partendo da un’importante premessa, per diventare capotreno laurea, master o particolari titoli di studio non servono, ma basta aver conseguito il diploma di scuola superiore.

É necessario aver compiuto i 18 anni d’età e possedere requisiti fisici come stato della vista e udito che saranno valutati in fase di selezione.

Si diventa capotreno dopo aver superato la selezione impartita dall’azienda di trasporto ferroviario, la formazione avviene attraverso un corso specifico di sei mesi per l’abilitazione alla professione. Il corso deve essere erogato da enti certificati, quali imprese ferroviarie, gestori dell’infrastruttura o centri di formazione, autorizzati dall’Ansf, Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie.

Il futuro professionista avrà acquisito competenze professionali generali: tra queste si trovano la conoscenza e la gestione dei dispositivi del treno; competenze su tutte le norme ferroviarie e la conoscenza della completa gestione del convoglio.

Entro sei mesi dalla certificazione, che attesta le competenze acquisite e che si conclude con un esame scritto e orale, al candidato deve essere conferita l’abilitazione all’Accompagnamento del treno e deve essere inserito nel ruolo.

Quanto guadagna un capotreno? La professione può dare grandi soddisfazioni in termini economici: quanto guadagna, quindi lo stipendio di un capotreno varia a seconda dell’azienda per cui si lavora, della zona e del tipo di contratto, di conseguenza anche dal tipo di anzianità di servizio.

Ma non solo: il lavoro straordinario, l’indennità per il lavoro notturno, le trasferte e altri trattamenti per attività fuori sede possono essere fattori particolarmente influenti sul suo guadagno.

Anche per questo motivo, sapere come diventare capotreno Trenitalia, Italo o Frecciarossa può rappresentare un’ambizione lavorativa dal tutto gratificante per molti giovani diplomati e laureati. Di seguito quindi alcune indicazioni su come si fa a diventare capo treno, se si accede alla professione tramite concorso pubblico o selezioni private. Ma anche informazioni utili relative a turni e mansioni per sapere cosa fa questo professionista delle Ferrovie dello Stato.

Come diventare Capotreno, età, diploma, formazione e percorso di studi, scuola e università

Lavorare come capotreno, macchinista o ferroviere, significa essere a contatto con le persone ogni giorno. Si tratta di un’ottima occasione per vivere un insieme di esperienze e situazioni sempre diverse tra loro.

Si tratta di una figura dinamica, sempre in movimento, che svolge un’attività di controllo e di sicurezza del treno e dei passeggeri prima, durante e dopo il viaggio.

Diventare capotreno Trenitalia oggi significa essere un professionista che garantisce la sicurezza, la salute ed il comfort dei passeggeri; possiede competenze tecniche e relazionali e conosce bene la normativa relativa al suo settore d’azione.

Rappresenta l’impresa ferroviaria nelle interazioni con i passeggeri durante il viaggio, per cui è richiesta una conoscenza delle lingue straniere, nel caso in cui venga a contatto con  viaggiatori anche di altre nazionalità.

Per fare il capotreno, le qualità principali devono essere: l’empatia, lo spirito collaborativo con i colleghi, la compostezza e l’attenzione al dettaglio, in quanto egli rappresenta la Società per cui lavora.

Inoltre chi aspira a svolgere questa professione deve possedere un’ottima capacità di problem solving.

Essendo il cliente il bene primario dell’azienda per cui si lavora, è di grande utilità porsi nei confronti di quest’ultimo con garbo, cortesia, gentilezza, calma e pazienza, ma è anche importante mostrare e decisione e determinazione.

Cosa fa e di cosa si occupa il capotreno

Questo professionista ricopre un ruolo di grande importanza e rilevanza, poiché a bordo del treno rappresenta un pubblico ufficiale responsabile della regolarità del servizio.

Come si struttura la vita di un capotreno?

Marisa Orlando, capotreno per Trenitalia, afferma che: “L’attività incomincia non solo a bordo treno, ma già da prima: abbiamo un orario di presentazione di 40 minuti prima della partenza del treno e in questo tempo dobbiamo prendere la nostra borsa in dotazione dagli armadietti e i documenti di scorta al treno. Successivamente perlustriamo il treno, quindi ci assicuriamo il regolare funzionamento di luci, porte, aria condizionata, riscaldamento e la presenza di personale viaggiante, quindi operatore della pulizia, della ristorazione, la presenza del capo servizio treno e il macchinista con il quale noi siamo in continuo contatto”.

Per diventare capotreno requisiti necessari sono certamente determinazione e pressione  per la sicurezza propria e degli altri passeggeri. Inoltre questo professionista “Svolge anche un servizio di controlleria a bordo, quindi controlla la regolarità dei biglietti, ma anche il loro possesso. Qualora un viaggiatore fosse sprovvisto di biglietto, emette a bordo nuovi biglietti, utilizzando i sistemi informatici all’avanguardia.

Inoltre dispone la salita e la discesa dei viaggiatori in sicurezza, si occupa della chiusura delle porte e dà il via libera alla partenza al macchinista.” Si prevede un aumento delle nuove assunzioni nelle Ferrovie dello Stato, in ragione anche delle esigenze di alta velocità in Italia.

Guida su come diventare capotreno per Trenitalia

Trenitalia S.p.A. è un’azienda facente parte del gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, da cui è controllata al 100%. Trenitalia è la principale società italiana che si occupa di soddisfare le esigenze di mobilità dei viaggiatori, garantendo un’ampia offerta di servizi di qualità.

Per lavorare in Trenitalia è necessario effettuare una candidatura, ecco il procedimento da seguire:

  • accedere al sito Trenitalia
  • selezionare la voce Lavora con noi
  • procedere alla candidatura creando, mediante apposito form online, il proprio account
  • inserire nella sezione tutte le informazioni curricolari richieste sulle proprie attitudini, competenze, esperienze, per cui è consigliato redigere un buon curriculum vitae personalizzato

Il percorso di selezione per diventare capotreno prevede delle fasi una propedeutica all’altra:

  • assessment online (digital test);
  • colloquio motivazionale;
  • colloquio tecnico-professionale;
  • prova di conoscenza della lingua inglese;
  • visita medica;

Per completare il percorso di selezione e procedere all’assunzione è necessario essere in possesso dei requisiti psico-fisici, generali e speciali, previsti per i ruoli operativi d’esercizio.

Per alcune figure professionali è richiesta l’emissione di tre certificati di idoneità per tre diversi profili:

  • Accompagnamento Dei Treni (ADT ai sensi del Reg. 995/15)
  • Preparatore dei Treni (PDT Disp. 55/06 p. 4.2)
  • Attività di Supporto Condotta (Disp. 55/06 p.1).

Con riguardo al criterio dell’altezza, la misura minima richiesta è di 1,55 mt. come da normativa di riferimento.

Come diventare capotreno per altre aziende? Anche nel caso di Italo, la candidatura è spontanea. Bisogna presentare la propria domanda di assunzione recandosi sul sito internet della società Ntv e compilare il format all’interno della sezione “posizioni aperte”.

Orientativamente la retribuzione lorda (con 5-10 anni di esperienza) oscilla in media tra i 24.000 € e i 28.000 € annui.

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata
Dennisa Elena Gorea Studentessa universitaria di Economia, Valorizzazione e Gestione del Patrimonio Turistico. Determinata e intraprendente sono le caratteristiche che meglio mi rappresentano. Da sempre appassionata di turismo, grazie alle sue molteplici sfaccettature, amo scoprire ed esplorare luoghi, culture, lingue e tradizioni diverse. I temi che maggiormente attraggono il mio interesse sono relativi all'ambiente, alla cultura, all'arte, allo spettacolo, alla musica e allo sport. Vedo nel giornalismo un'ottima opportunità per trasmettere informazioni ed esperienze, acquisendo al contempo nuove e importanti conoscenze. Leggi tutto