• Google+
  • Commenta
26 febbraio 2014

Università di Ferrara: Corruzione, Storia, individuo e società

Università degli Studi di Ferrara – Convegno internazionale all’Università di Ferrara

Università di Ferrara

Università di Ferrara

Un convegno internazionale all’Università di Ferrara sul tema “Corruzione. Storia, individuo, società” quello che si aprirà venerdì 28 febbraio, alle ore 15, in Aula A del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Ferrara (via Paradiso, 12), e proseguirà sabato 1 marzo, alle ore 9, in Sala Agnelli della Biblioteca Ariostea (via Scienze, 17), organizzato dalla sezione di Filosofia del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Ferrara.

Come spiega Paola Zanardi, delegata del Rettore per le Biblioteche dell’Università di Ferrara, promotrice dell’iniziativa con Andrea Gatti, delegato all’Orientamento e Tutorato del Dipartimento di Studi Umanistici di Unife, l’idea di corruzione può adattarsi a una molteplicità di situazioni. Alla corruzione del potere possono affiancarsi, concettualmente, il declino dei costumi, il crepuscolo degli idoli, il tramonto dell’Occidente, l’imbarbarimento dei gusti, l’indebolirsi dei corpi e molte altre forme di decadenza. Altrettanto variabile il valore che al concetto può attribuirsi: la corruzione è sempre male? Segna sempre il passaggio da uno stato ideale al suo contrario, o alla sua perdita? O può talvolta essere preludio a un miglioramento consapevole?”.

“ Nel corso del convegno all’Università di Ferrara – prosegue la Zanardi docenti e ricercatori dell’Università di Ferrara, con il contributo di altri studiosi italiani e stranieri, cercheranno di rispondere ad alcune di queste domande, declinando il concetto di corruzione nei suoi molteplici significati e in senso storico, dall’antico fino al contemporaneo. Si affronterà la condizione dei cittadini sani e malati nell’antica Atene all’epoca di Platone; per cogliere il senso della corruzione in senso morale in epoca medievale, si rifletterà sul pensiero del teologo Bonaventura da Bagnoregio;  per la disamina del senso fisico del disfacimento dei corpi, rilevante sarà l’analisi del giudizio dei medici nell’Umanesimo  e nella storia estense; nella modernità, invece, la corruzione sarà esaminata a partire dalle nuove concezioni economiche e giuridiche della società commerciale, come dimostrano le teorie di Rousseau, Mandeville, Buffon e Voltaire. Da ultimo, non potrà mancare uno sguardo sul presente, in cui il tema della corruzione è stato recentemente oggetto della relazione della commissione di Bruxelles, in cui sono stati indicati i costi, i danni e l’ampiezza del fenomeno che affligge ampie aree europee, tra cui principalmente l’Italia, minacciando la stabilità e la sicurezza delle società,  le istituzioni ed i valori democratici”.

“Definire la corruzione per meglio conoscerne le cause, la natura, gli effetti – conclude la Zanardi e riflettere su questi temi, cercando di individuare cause, natura ed effetti della corruzione, è senza dubbio un’occasione per far luce anche su aspetti della storia più recente fino ai giorni nostri”.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy