• Google+
  • Commenta
2 novembre 2015

Vincenzo La Rosa: nuova aula magna all’Università di Catania

Palazzo Ingrassia, l’aula magna intitolata all’illustre archeologo Vincenzo La Rosa

Giovedì 5 e venerdì 6 novembre (a Catania e Noto), manifestazioni in ricordo dello studioso scomparso lo scorso anno

Duplice e solenne omaggio al maestro di Archeologia, e ai suoi due amori scientifici: la Sicilia e Creta. Giovedì 5 e venerdì 6 novembre, l’Università degli Studi di Catania e l’Istituto per lo studio e la valorizzazione di Noto Antica (Isvna), ricorderanno la figura di V. La Rosa, insigne archeologo dell’Ateneo scomparso lo scorso anno, e il suo rilevante apporto scientifico nell’esplorazione delle Isole a lui più care, coniugato a un’attività didattica professata per oltre quarant’anni.

I suoi corsi di Civiltà indigene della Sicilia e di Archeologia e Antichità egee hanno rappresentato, infatti, un importante punto di riferimento per la formazione di diverse generazioni di archeologi; nell’ambito della sua lunga e proficua carriera accademica ha ricoperto anche il ruolo di direttore del Centro di studi sull’Archeologia greca del Cnr di Catania, vicedirettore della Scuola Archeologica Italiana di Atene, direttore del Centro di Archeologia cretese, da lui stesso fondato, intessendo un proficuo dialogo con la comunità scientifica internazionale.

Vincenzo La Rosa ha diretto scavi in Sicilia (Centuripe, Milena) a Cipro (Ayia Irini) e ha contribuito, con gli scavi di Haghia Triada e Festòs, a Creta, alla piena comprensione di due centri vitali per la conoscenza della civiltà minoica. La sua attività archeologica condotta con passione e rigore, il suo sguardo attento e consapevole verso gli allievi costituiscono oggi un importante patrimonio cui attingere per proiettare verso le nuove generazioni la sua lezione, una lezione per il futuro.

Aula magna intitolata all’illustre archeologo Vincenzo La Rosa

Giovedì alle 16 – nell’anniversario della sua scomparsa – gli sarà perciò intitolata l’aula magna del Palazzo Ingrassia, sede della sezione di Archeologia e scienze dell’antichità del dipartimento di Scienze umanistiche dell’Università e del nuovo museo di Archeologia. Interverranno il direttore del Disum Giancarlo Magnano di San Lio e il prof. Nicola Cucuzza (Università di Genova).

Alle 17, nel Coro di notte del Monastero dei Benedettini si terrà un convegno in sua memoria, dal titolo “Vincenzo La Rosa: una lezione per il futuro”, alla presenza del rettore Giacomo Pignataro e dell’attuale direttore del Centro di Archeologia cretese, prof. Pietro Militello. Relazioni di Filippo Maria Carinci (Università Cà Foscari di Venezia), Dario Palermo (Università di Catania), Lucia Vagnetti (Cnr Roma) e dell’Accademico dei Lincei Giuseppe Giarrizzo. L’indomani la figura del prof. La Rosa sarà commemorata a Noto in due differenti momenti, all’Istituto superiore Matteo Raeli e a Palazzo Trigona.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy