• Google+
  • Commenta
31 maggio 2016

Coro Università di Pisa: concento con Giacomo Puccini

Coro Università di Pisa
Coro Università di Pisa

Coro Università di Pisa

Il coro Università di Pisa in scena con Giacomo Puccini: venerdì 3 giugno alle ore 21,15 nella chiesa monumentale di Santa Caterina.

Diciassettesimo Concerto Annuale del Coro dell’Università di Pisa, l’ormai tradizionale grande evento musicale che l’Ateneo pisano offre nel Giugno Pisano ai propri studenti, alla comunità accademica e a tutta la cittadinanza.

L’ingresso è libero e il programma è veramente d’eccezione: sarà eseguita la celebre Messa a quattro voci con orchestra (comunemente conosciuta come Messa di Gloria) di Giacomo Puccini. Insieme al Coro Università di Pisa si esibiranno il tenore Marco Mustaro e il baritono Carlo Morini mentre l’accompagnamento è affidato alla Tuscan Chamber Orchestra, che inizierà la serata con il Concerto per la festa dell’Assunzione di Maria Vergine di Antonio Vivaldi, con Antonio Aiello quale violino solista. Dirigerà il maestro Stefano Barandoni. Il concerto è patrocinato dal Comune e dall’Arcidiocesi di Pisa ed è realizzato in collaborazione con la Fondazione Teatro di Pisa e col Seminario Arcivescovile di Pisa.

Il maestro Stefano Barandoni del Coro Università di Pisa che mette in scena Giacomo Puccini

“Giacomo Puccini – dice il maestro del Coro Università di Pisa Stefano Barandoni – compose a soli 22 anni la Messa a quattro voci con orchestra, conosciuta con la denominazione di Messa di Gloria; con tale denominazione ci si riferisce normalmente a composizioni articolate nelle prime sole due sezioni (il Kyrie e il Gloria), mentre Puccini ha composto anche il Credo, il Sanctus, il Benedictus e l’Agnus Dei. Dopo la prima esecuzione del 1880, a Lucca, trascorsero 72 anni prima che ce ne fosse una seconda, a Chicago. Oggi questa composizione è molto apprezzata ed è considerata importante anche perché contiene diversi elementi innovativi caratteristici della produzione successiva di Puccini ed è tutta pervasa da un autentico fervore giovanile“.

Maria Antonella Galanti, prorettore per i rapporti con il territorio e coordinatore del Centro di Ateneo per la diffusione della cultura e della pratica musicale, aggiunge: “Tra le possibili letture di questa composizione abbiamo scelto di porre l’accento sui passaggi nei quali il musicista ci sorprende di più sia come ascoltatori, sia come esecutori. Basti pensare, per fare solo un esempio, allo speciale dialogo che si crea tra le diverse voci e l’orchestra e all’uso creativo degli opposti. Si tratta, infatti, di una Messa un po’ anomala rispetto alle attese dell’epoca e forse anche alle nostre; una Messa che in certi momenti assomiglia quasi a un’opera lirica, proprio perché è contrassegnata da contrasti musicali ed emozionali che determinano la modulazione continua del registro e, di conseguenza, la necessità che chi suona o canta sappia trasformare rapidamente anche la propria disposizione d’animo”.

Il Coro Università di Pisa, composto da 150 elementi, nella gran parte da studenti, ma anche docenti e personale amministrativo e tecnico dell’Università di Pisa, è molto amato e seguito in città ed ha al suo attivo numerosi concerti, in Italia e all’estero. Per scelta formativa il suo repertorio è variegato e attraversa diversi generi ed epoche, dalla musica barocca a quella classica e contemporanea, fino all’opera lirica e al musical.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy