• Google+
  • Commenta
29 aprile 2009

Marlene Kuntz: il successo del live Unisa

Cristiano Godano e i Marlene Kuntz

Un giorno o l’altro sai che cosa ti faccio? Dal nulla sferico che da me ti aspetti io balzerò e in un oplà ti stregherò l’anima…” Marlene Kuntz

Marlene Kuntz

Marlene kuntz

E’ con questo vero inno all’amore in perfetto stile “marleniano”, che ieri sera, i Marlene Kuntz hanno aperto le “loro danze”. E’ con “L’abbraccio” (brano tratto dall’album “Che cosa vedi”), infatti, che la band ha iniziato da subito a scatenare,con il suo unico ed inimitabile alternative rock, il pubblico di studenti e non, accorsi numerosissimi per assistere all’evento musicale dell’ateneo.

Con un Cristiano Godano quanto mai “convincente” e nel massimo della sua forma, i Marlene Kuntz si sono esibiti in un mix coinvolgente di potenza ed armonia, tra il calore e l’entusiasmo dei partecipanti, per oltre due ore di live. “Un giorno o l’altro sai che cosa ti faccio?

Concerto Marlene Kuntz all’Università di Salerno

Dal nulla sferico che da me ti aspetti io balzerò e in un oplà ti stregherò l’anima…” : è con questo vero inno all’amore in perfetto stile “marleniano”, che ieri sera, i Marlene Kuntz hanno aperto le “loro danze”. E’ con “L’abbraccio” (brano tratto dall’album “Che cosa vedi”), infatti, che la band ha iniziato da subito a scatenare,con il suo unico ed inimitabile alternative rock, il pubblico di studenti e non, accorsi numerosissimi per assistere all’evento musicale dell’ateneo. Con un Cristiano Godano quanto mai “convincente” e nel massimo della sua forma, i Marlene Kuntz si sono esibiti in un mix coinvolgente di potenza ed armonia, tra il calore e l’entusiasmo dei partecipanti, per oltre due ore di live.

A presentare il concerto Don Gianni Citro che, ancora una volta, ha voluto ribadire i temi e la finalità della convention musicale itinerante del salernitano, che continuerà ulteriormente e che avrà il suo suggello con il “Meeting del mare” il prossimo mese: socialità, musica e cultura giovanile.

In tanti, forse, si aspettavano una mera e sequenziale interpretazione dell’ultima raccolta, ma non è stato esattamente così. La band si è esibita in una scaletta varia e corposa, proponendo un excursus tra gli inediti del presente e le canzoni più storiche che l’hanno condotta all’apice del successo. “Festa mesta”, “Nuotando nell’aria”, “Sonica”, “A fior di pelle” sono solo alcuni dei brani che hanno scaldato ieri sera il popolo universitario “elettrizzato” dal vortice della musica e dai grintosissimi assoli di chitarra di Cristiano Godano.

Non poteva mancare la cover “Impressioni di Settembre”, canzone storica della PFM, che grazie ai Marlene ritorna al suo massimo splendore e successo, dando la possibilità anche ai più giovani di avvicinarsi alla grande musica del passato. Un pubblico in delirio e in uno stato di totale esaltazione si è unito in una sola voce alla band, al suono delle prime note dell’attesissima “Ape Regina” del 1996, canzone che rappresenta per energia, ritmi e testo l’incarnazione del perfetto stile e della vera essenza dei Marlene Kuntz.

I Marlene Kuntz sono stati in grado, in una sera, dall’alto di un palco (ma purtroppo in una location poco consona per la trasmissione della qualità del suono!) di coinvolgere anche i più scettici, convincendo e conquistando ognuno con la loro intensità e grinta.

Non sono mancati gli inediti “Canzone in prigione”, colonna sonora del film “Tutta colpa di Giuda” e “Il pregiudizio” che, seppur di giovane incisione, non sono state da meno nello scatenare ognuno in balli e canti sfrenati.

Dopo l’ultima uscita i Marlene Kuntz sono tornati sul palco per regalare al pubblico che li acclamava un altro loro grande successo del 1999, “L’ineluttabile”.

Pasqualina Scalea

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy