• Google+
  • Commenta
3 giugno 2010

“La Sapienza” e la salute della mente

Psicosi è un termine introdotto nel 1845 da Ernst von Feuchtersleben e indica una “malattia mentale o follia” caratterizzata da una grave alterazione dell’equilibrio psichico dell’individuo. A tale fenomeno consegue unacompromissione dell’esame di realtà e l’uso della negazione come meccanismo di difesa, interpretabile in modi differenti.

La psicosi è, purtroppo, una condizione molto comune e si riscontra in 3 giovani su 100. Ciò rende, di fatto, le psicosi più diffuse persino del diabete. Fortunatamente guarire è possibile e, anzi, avviene nella maggior parte dei casi.

L’Università La Sapienza di Roma organizza il 10 giugno 2010 alle ore 13.00-18.30 e l’11 giugno 2010 dalle 8.30 alle 16.45 presso l’Aula Magna del Dipartimento di Scienze dell’apparato locomotore il III convegno annuale “L’intervento precoce nelle psicosi. Un cambio di paradigma”, promosso dalle cattedre di Psichiatria, della I e II facoltà di Medicina e chirurgia e dal dottorato di ricerca in Psichiatria.

Fulcro dei convegni sarà la prevenzione delle psicosi, attraverso lo studio delle fasi prodromiche degli episodi correlati a questo disturbo. Continua dunque l’impegno dell’ateneo più grande d’Europa che si propone di sensibilizzare su tale problematica e, al contempo, di creare una importante occasione per capire come approcciare preventivamente la malattia mentale. Tutto ciò senza dimenticare i progressi raggiunti a livello internazionale in questo campo di ricerca.

L’iscrizione al convegno è gratuita e deve essere effettuata per e-mail all’indirizzo info@tradeventinternational.it o via fax al numero 0687201506, entro e non oltre il 4 giugno 2010 (il numero dei posti è limitato). L’evento, inoltre, prevede, per chi ne avesse di bisogno, il rilascio di crediti ECM.

Spesso, parlando di salute, si tende a pensare solo alla salute fisica, lasciando al caso quella mentale. Questo convegno è una buona occasione per imparare o ricordare che c’è sempre bisogno di prendersi cura della propria mente. E del resto, come affermava Dwight D. Eisenhower, “… è impossibile sezionare la mente e l’animo umano, per individuarne le singole parti.”

Tommaso Ceruso

Google+
© Riproduzione Riservata