• Google+
  • Commenta
3 giugno 2010

The fifty faces of Juliet.

“Dipingo ciò che non posso fotografare.
Fotografo ciò che non voglio dipingere.
Dipingo l’invisibile. Fotografo il visibile.”
Man Ray

Correva l’anno 1941 quando Man Emmanuel Rudnitzky (Filadelfia, 27 agosto 1890 – Parigi, 18 novembre 1976), meglio conosciuto sotto lo pseudonimo di Man Ray, sperimentava la sua arte sul volto della donna amata, Juliet Browner. Modella e ballerina, la compagna del poliedrico autore dadaista lo ispirò per ben 14 lunghi anni, durante i quali Ray le scattò diversi ritratti fotografici.

The fifty faces of Juliet venne inizialmente pensato dall’artista come un libro, ma anche come saggio un fotografico, che rendesse omaggio a Juliet, oltre a essere ricordato dalla storia come una testimonianza palpabile dell’estro artistico racchiuso all’interno di una delle più celebri figure avanguardistiche del secolo scorso.

Pittore e regista (ha collaborato alla realizzazione di Anémic Cinéma di Marcel Duchamp,1925) , nonchè costruttore di oggetti, Ray è, soprattutto, noto come fotografo surrealista. Celebre la sua serie di rayograph, vera e propria deformazine brutale del quotidiano, ottenuta in camera oscura, mediante una pressione con oggetti di differente natura, direttamente sulla carta fotografica.

Oggi la Lorusso Arte-Design, con il patrocinio dell’Università di Bari Aldo Moro e in collaborazione con la Fondazione Marconi di Milano, fa rivivere il genio di Man Ray attraverso una mostra fotografica composta dai cinquanta rittratti che l’artista scattò a Juliet Browner fra il 1941 e il 1955 a Los Angeles, tema dal quale l’esposizione prende il nome: The fifty faces of Juliet.

La mostra sarà aperta al pubblico dal 15 Maggio al 31 Luglio, dal lunedì al venerdì, dalle ore 10.00 – 13.00 e dalle 18.00 – 21.00 presso la sede di Andria in via Napoli 71. Inoltre l’evento sarà correlato da tre incontri sul ruolo delle avanguardie nella cultura del Novecento e sulla figura di Man Ray.

Il 26 maggio scorso – presso FAI – Fondo Ambiente Italiano c’è stato l’appuntamento dal titolo Arte e Dissenso (introduzione Dott.ssa Anna Maria Sergio, relatore Gaetano Grillo,artista e docente dell’Accademia delle belle arti di Brera, Milano).

Il 3 giugno 2010 – ore 18:30 – presso l’Università degli Studi di Bari Aldo Moro – CRAV (Centro Ricerche Avanguardie) – si terrà invece l’incontro Le Avanguardie dall’Italia (Relatore Prof. Pasquale Giurdanella, preside della facoltà di Lingue e Lettere straniere, Università delgi studi Aldo Moro di bari) e Arti e Avanguardie del Novecento. Note (Relatore Prof. Giuseppe Barletta, direttore del CRAV, Facoltà di lingue e lettere straniere Università degli studi Aldo Moro di Bari).

Mentre giorno giovedì 24 giugno – ore 18:30 – ci sarà l’evento Il ruolo di Man Ray nella cultura fotografica del Novecento (introduzione Dott.ssa Anna Maria Sergio, relatore Prof.ssa Livia Semerari, docente di storia dell’arte contemporanea, Università di Foggia).

Serena Calabrese

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy