• Google+
  • Commenta
18 ottobre 2010

Univesrità del Sannio: Assemblea di ateneo: discussi i problemi dell’università

Si è svolta stamani all’Università del Sannio un’assemblea di Ateneo per discutere sulla riforma e sui problemi dell’Università italiana, a margine anche delle proteste indette dalla categoria dei ricercatori e all’indomani del rinvio, a dopo la sessione di bilancio, del voto in aula alla Camera del Ddl Gelmini.

Hanno partecipato il rettore e una folta rappresentanza di docenti, ricercatori e personale tecnico-amministrativo. Dopo la sospensione dell’iter parlamentare, per mancanza di risorse economiche, la riforma dell’università rischia di saltare.

“La Conferenza dei Rettori – ha spiegato il rettore Filippo Bencardino – ha portato avanti un dialogo con il Parlamento, convinta della necessità di una riforma organica per l’Università italiana. Adesso, invece, emerge un problema di carattere economico. Il Paese è fermo e recuperare il ritardo sarà difficile”.

In questo momento di forti tensioni negli atenei, il rettore ha richiamato i ricercatori al senso di responsabilità e ad evitare che le proteste causino disagi agli studenti. “Esercitiamo una funzione pubblica e quindi abbiamo l’obbligo di garantire i servizi. Lo studente – ha detto – non può essere penalizzato da una manifestazione che può incidere sulla sua vita. Il rinvio dell’inizio dei corsi è un danno per i grandi ma soprattutto per i piccoli Atenei”.

Per quanto riguarda il bilancio, le condizioni dell’Università del Sannio sono ottime. “Al momento, però – ha precisato Bencardino -, non si dispone ancora di un quadro attendibile e dettagliato circa gli effetti che l’applicazione del nuovo modello di ripartizione dell’FFO con i criteri indicati determinerà per i singoli Atenei della Campania. Non è tuttavia difficile immaginare che, avvenendo su un totale di risorse decurtato del 3,7% rispetto al 2009, esso provocherà conseguenze inevitabilmente pesanti su una larga parte del sistema universitario pubblico, conseguenze che in vari casi si sommeranno alle decurtazioni già intervenute lo scorso anno. La crisi dell’Università – ha concluso Bencardino – si inserisce in un contesto drammatico più ampio. È prima di tutto una crisi economica. Il Paese è diviso e governato da interessi territoriali forti. Assistiamo alla mancanza di una classe politica illuminata del Mezzogiorno, capace di fare opinione e di incidere sulle scelte”.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy